Di .NET e di altre amenita'

March 2005 Blog Posts

ASP.NET State Management: View State

Curiosando un po' nel web ho scovato questo interminabile articolo su un argomento davvero basilare ma che mi sembra trattato con la massima precisione e con ilmassimo dettaglio possibile. L'articolo esplora con dovizia di particolari tutti gli aspetti della ViewState, cominciando dal suo semplice uso fino alle parti più ostiche come la crittazione e la persistenza.Ottima lettura per chi si avvicina ad ASP.NET

Link: ASP.NET Resources - ASP.NET State Management: View State

powered by IMHO

Google vs MSN

Rispondo a Gabriele che più volte mi ha sollecitato ad esporre le mie opinioni su MSN search contro Google che tempo fa avevo dichiarato di mettere alla prova per un mese. In effetti è passato ben più di un mese, e ad oggi ancora non so dare una risposta certa a questo problema. Il fatto è che uso Google praticamente dal primo giorno in cui è stato pubblicato, e sono talmente abituato al suo output che mi è difficilissimo staccarmene.

Quello che è successo in questo periodo è che pur avendo attivato MSN Seach ed essermi imposto di usarlo sempre, ho tradito più e più volte questo principio per pura "crisi di astinenza". Ho perciò scelto di disintossicarmi gradualmente prima di dare una opinione conclusiva sulla diatriba. Purtroppo questa dipendenza non mi fa essere un giudice imparziale e quindi piuttosto che "sparare cazzate" preferisco stare zitto.

Detto questo, senza scivolare nell'idiozia, posso però anticipare che la "sensazione" è che Google sia ancora qualche passo avanti, per il semplice fatto che esso mi fornisce quasi sempre nella prima pagina quello che cerco, mentre MSN non lo fa. Non so dirvi se dipenda dal mio Google-feeling che mi permette di porre le "domande" a Google nel modo più corretto per trovare quello che cerco, oppure da una sorta di knowledge-base più estesa da parte di Google. Certo, questi ragionamenti aprono la strada ad una domanda: esiste una sorta di lessico che permetta di interrogare più efficacemente un motore piuttosto che un'altro? Un po' come quando parlando con mia nonna piuttosto che con mia moglie io devo adeguare il mio modo di comporre le frasi in modo da consentire a ciascuna di esse di comprendermi meglio.

powered by IMHO

Post non inerenti .NET

Se a qualcuno interessa ecco la mia risposta al post di Raffaele.

powered by IMHO

MSN Search ruba un 2% a Google

Dai primi studi in materia (Nielsen/Netratings) si evince che MSN Search, negli ultimi mesi ha guadagnato circa i 2% di quota-mercato, passando dal 12% al 14% sottraendola per la massima parte a Google.

Fonte: Bink.nu | MSN Gains Search Market Share

powered by IMHO 1.2

Il 64% degli italiani intende votare!

E' quanto si evince da un sondaggio Abacus che tra le altre cose rivela anche che del restante 36% solamente il 18% è fermamente convinto di astenersi. Certo, si tratta di un sondaggio molto in anticipo sui tempi, dato che in realtà la data del referendum non è ancora nota, ma è molto significativo il risultato.

Speriamo bene.

Link: http://www.radioradicale.it/primopiano.php

powered by IMHO 1.2

Un mondo di disegni, i disegni di un mondo

E' online un'originale idea del mio amico Francesco, il temerario che è venuto alla cena dei bloggers per non sapendo nulla di .NET. E con questo, suo figlio di 4 anni ha cominciato una precocissima attività di blogger.

Benvenuto Lorenzo!

Link: Un mondo di disegni, i disegni di un mondo

powered by IMHO 1.2

Lo sapevate che: OemPipe

Lo sapevate che nell'enumeratore Keys non appare il Keys.BackSlash ma esso si trova sotto Keys.OemPipe?

Personalmente l'ho scoperto solo oggi dovendo creare un simil-intellisense che risponde al tasto incriminato.

Chissà da dove viene questo nome.

Ehm. Per inciso non c'è nemmeno Keys.Slash, ma non ho tempo di cercarlo ora.

powered by IMHO 1.2

Portable PlayStation

Non sono un giocatore e non vi so dire se questo gioiellino si trovi in Italia (ma suppongo di no) però da come lo vedo in questa recensione è davvero interessante.

Link: ddoi on psp

powered by IMHO 1.2

Dear Mr. Boschin

Più di qualcuno mi ha segnalato in questi giorni il malfunzionamento del sito http://imhoproject.org. Sia chiaro che tale malfunzionamento ha origini prettamente sistemistiche ped è per questo che ad oggi, nonostante siano passati parecchi giorni dalla prima segnalazione il problema continua a proporsi in modo casuale.

Il servizio tecnico di http://www.dotnetcentral.com stamane si è fatto risentire con la seguente lapidaria frase:

"We are currently looking into a possible solution and will contact you as soon as we have an update on your query"

Utile sapere che per ottenere questa criptica riga sono dovuto scendere quasi al grottesco. La mia ultima mail iniziava con la seguente domanda retorica:

"Hey!!! Is there anybody in there?"

Vado a leggermi il contratto.

powered by IMHO 1.2

Upgrade to IIS 6.0 da IIS 5.0

E' la prima volta che mi capita, di fare l'upgrade di un server da Windows 2000 al 2003 senza provvedere alla formattazione del primo e installazione del secondo. Quando si effettua tale operazione, L'Internet Service Manager può lasciare di stucco la prima volta che lo si apre. Infatti la voce Application Pools non appare tra i nodi della Treeview.

Dopo il primo attimo di smarrimento, la ragione dell'assenza viene presto alla luce. L'upgrade da IIS 5.0 a IIS 6.0 comporta che il setup, in via precauzionale imposti l'uso del IIS 5.0 Isolation Mode che per l'appunto causa la scomparsa degli Application Pools. Certo, se la natura precauzionale dell'impostazione è encomiabile, per una questione di usabilità si sarebbe potuto scegliere di "disabilitare" la voce "Application Pools", magari con un popup di avvertimento piuttosto che toglierla proprio del tutto.

Ma comunque, usability o non usability devo dire che un ulteriore plauso va ad IIS 6.0 e soprattutto ai suoi sviluppatori per l'ottima scelta "conservativa".

powered by IMHO 1.2

Click of the week: Alone


Alone - Nikon Coolpix 880

Armi pasquali #2

Prosegue la saga delle armi pasquali. Quest'oggi, al termine del pranzo pasquale è uscita dall'uovo, per la seconda volta, un'arma giocattolo.

Stavolta mi sono deciso a postare la foto per l'evidente pericolosità del giocattolo che presenta bordi acuminati e delle freccette che sembrano fatte apposta per forare gli occhi. Si tratta di un giocattolo a molla che è in grado di scagliare i dardi a svariati metri di distanza. Curiosa la dicitura sull'etichetta che avverte che il gioco non è adatto a bambini di età inferiore ai 36 mesi. Personalmente non lo darei in mano nemmeno ad uno di 8 anni. E voi?

Il giocattolo ripreso nella foto non presenta alcun contrassegno di rispetto delle normative comunitarie in materia. L'unico contrassegno che tradisce la provenienza è un simbolo apparentemente cinese sulla sommità. Evidentemente i signori della Pasticceria Antico Castello hanno ritenuto che gli occhi dei loro piccoli acquirenti valessero il risparmio di qualche euro sonante.

Sto seriamente valutando la possibilità di segnalare la faccenda alle autorità di polizia. A certe persone senza scrupoli andrebbe accuratamente vietato di entrare nel mercato.

powered by IMHO

Microsoft Codezone

E nata la community delle community. Codezone è un sito in cui sono registrate decine di community Microsoft in tutti gli U.S.A. ma a giudicare dai parametri di ricerca è aperta anche a quelle di tutto il mondo.

Che valga la pena di iscrivere anche UgiDotNet? La sentenza al nostro presidente.

Link: Codezone - Home

powered by IMHO

Log4net 1.2.9 Beta Released

Per quelli che si sono accorti dei problemi della Enterprise Library con il logging è ora disponibile la nuova versione di Log4Net, direttamente dal sito di apache.org.

Link: Log4net 1.2.9 Beta Released

powered by IMHO

 

Using Ranking and Windowing Functions in SQL Server 2005

Un interessante articolo sulle funzioni di ranking in Sql Server 2005. Detto tra parentesi, la funzione ROW_NUMBER() promette bene per i problemi di paginazione dei dati. Occorre indagare se questo è davvero un buon metodo.

Link: SqlJunkies :: Using Ranking and Windowing Functions in SQL Server 2005

powered by IMHO

Scambiatevi un proiettile di pace.

Stamane i preliminari del pranzo pasquale hanno rivelato una sconcertante verità. Alla fine del convivio è giunto il momento per mia figlia di tre anni di rompere l'atteso ovone di cioccolata. Potrete immaginare il mio stupore quando dal dolce guscio è spuntata nientemeno che una Beretta giocattolo con tanto di proiettili con ventosa e una bomba ad ananas del tipo che si vede spesso nei film.

Già l'atto di regalare un'arma giocattolo ad un bambino, mi sembra davvero una pessima abitudine, ma infilare tale diseducativo strumento in quello che a tutti gli effetti è il regalo principe di una festa che dovrebbe essere il simbolo della pace in terra, mi lascia davvero senza parole. Da genitore, la mia scelta è quella di educare mia figlia alla non-violenza (non al pacifismo però), e questa educazione comporta l'evitare quei giochi che istighino alla violenza, ma davvero combattere contro una società che così alla leggera propina certi messaggi ai bambini è una battaglia senza speranza.

Da parte mia ho colto l'occasione per spiegare a mia figlia che quello strumento che lei con innocenza, ma con incredibile precisione, ha puntato contro la nonna, la mamma e le zie dicendo "pum", è un modo di fare del male alle persone, nella speranza che le mie parole gli rimangano in testa la prossima volta che all'asilo qualche amichetto gli farà lo stesso gesto.

Però l'episodio richiede una riflessione. Sono certo, che il titolare dell'azienda produttrice delle uova, avrà esposto alla sua finestra il vessillo dei pacifisti, per protestare contro l'intervento americano in Iraq, tuttavia non lo ha nemmeno sfiorato l'idea che la pace nel mondo deve necessariamente iniziare dall'educazione di quelli che saranno i cittadini di domani. O forse il suo è stato un mero calcolo commerciale?

Auguri a tutti.

powered by IMHO

 

IMHO 2.0: Una preview di quello che sarà

E' ora che diventi di pubblico dominio che da qualche giorno sto lavorando alla versione 2.0 di IMHO. Il cambio di major release, giustificato da una revisione totale dell'architettura del software sarà probabilmente accompagnato da una lieve modifica del nome. Infatti è mia intenzione sostituire la dicitura "Instant Blogger" con "Blog Central".

IMHO 2.0 Blog Central sarà costituito da una serie di applicazioni che si suddividono i compiti di gestione dei weblog. Il fulcro centrale sarà un Windows Service raggiungibile dai client per mezzo di .NET Remoting. Il servizio, costantemente attivo permetterà di postare nei weblog gestiti da quasiasi punto della rete, anche in modo schedulato, creando così una vera e propria redazione accessibile da diversi profili utente ai quali potranno essere demandate un certo numero di categorie.

E' evidente che il progetto è un tantino più ambizioso di una semplice applicazione per uso personale. Non intendo però fargli perdere questa natura, ma semplicemente affiancare ad essa una nuova possibilità. L'idea è quella di realizzare un vero e proprio sistema CMS (Content Management System) che per mezzo degli adapters si potrà interfacciare non solo alle piattaforme di blogging attuali, ma anche alla miriade di sistemi proprietari che permettono di editare dinamicamente i contenuti di svariati siti web.

Il sistema di editing, in futuro, potrebbe essere affiancato da altre componenti che possano collaborare con il CMS. Probabilmente vedranno la luce, dopo l'engine principale, anche un "Disgregator" ovvero un aggregatore di feed che funga da alimentatore per il CMS e con tutta probabilità anche un IMHO Blog Engine, se ci sarà lo spazio per dargli qualche marcia in più rispetto ai comuni motori di blogging attuali.

Il lavoro è molto, ma se si considera che nel frattempo sto anche continuando con .TRAQ è evidente che ben difficilmente mi rimmarrà tempo per dormire (e probabilmente per bloggare).

powered by IMHO

Click of the week: Red horse


Red horse - Nikon Coolpix 880

Cittadini mono-tasking

E' ormai assodato. Noi italiani siamo cittadini mono-tasking. Per i nostri governanti e anche per gli oppositori le nostre menti non sono in grado di mettere in fila due pensieri l'uno dietro l'altro, e tantomendo di considerarli contemporaneamente. Questa è la scusa che ad oggi consente al governo e alla complice opposizione di impedirci di esprimere il nostro voto su regionali e referendum nella stessa giornata.

Tant'è che il governo è così accondiscendente nei confronti di questa nostra menomazione che ha deciso di investire milioni di euro in più per tenere due consultazioni separate anzichè una sola, con l'obbiettivo di alleviarci la sofferenza di far funzionare i nostri stanchi neuroni.

Certo, è solo a causa di questa nostra condizione, che mi sovviene di pensare che il tenere separate le cose serva ai nostri beneamati potenti per fare in modo che una problematica reale quale quella proposta dai referendum faccia da traino al partito che la appoggia alle elezioni, e probabilmente che a loro volta, le elezioni regionali ottengano il medesimo effetto sui referendum, consentendo loro di superare abbondantemente il quorum.

Ora non voglio stancare troppo la mia limitata mente. Passo al prossimo pensiero.

powered by IMHO

Extreme Refactoring!

Ho appena concluso con successo un'operazione che consideravo pressochè disperata. Ho fatto il merge di due progetti di Visual Studio in una soluzione che ne contiene ben 64, udite udite, senza l'ausilio di alcuno strumento di Refactoring.

Lo so, sono un temerario. Ma se è stato possibile realizzare questo "extreme refactoring" in un lasso di tempo di 15 minuti, allora non ci sono più scuse. Il refactoring va fatto sempre e comunque, con o senza tools!

powered by IMHO 1.2

Un bandito distratto.

E' una mia impressione oppure la nuova versione di RssBandit, che ho installato da pochi giorni, è un po' distratta? Non sono ancora riuscito bene a focalizzare il problema, ma mi capita spesso di trovare dei post segnati come "non letti" quando sono certo di averli già visti da parecchio.

Indago!

powered by IMHO 1.2

La "non eutanasia"

Mi accingo, in questo post, a chiarire un equivoco che in questi giorni la solita stampa sta propalando. Sul caso di Terry Schiavo si stanno spendendo molte parole, ma finora ho sentito la stragrande maggioranza degli interlocutori parlare con estrema inesattezza di Eutanasia.

Accantonando per un secondo le mie opinioni nel merito del caso, va precisato innanzitutto che non è di Eutanasia che stiamo parlando. Tecnicamente, la sospensione dell'accanimento terapeutico non è Eutanasia. L'Eutanasia è un pratica attiva, ovvero la "procurata morte", per mezzo di intervento attivo da parte di una persona, che pone fine alle sofferenze dell'ammalato che lo richiede. E' necessario chiarire questo equivoco, perchè questo è l'unico metodo che conosco per poter trovare una risposta alle domande che tutti si stanno ponendo in questi giorni: E' giusto lasciare morire Terry? E giusta l'Eutanasia?

Per dare la mia opinione sulla questione, ora, dopo aver separato gli argomenti mi permetterò di rimetterli assieme. Terry, nel momento stesso in cui sono stati staccati i macchinari che la alimentavano è stata catapultata in una lunga agonia. Ammesso e non concesso che gli sia rimasto un briciolo di coscienza, è evidente che la strada che la condurrà alla morte sarà lunga e colma di sofferenza. Il corpo di Terry in definitiva sta morendo di fame e di sete e credo che chiunque converrà che questo non è un bel modo di morire.

La cosa più giusta da fare in questo caso, sarebbe proprio quella di applicare la vera Eutanasia. Ridurre ad un minuto gli interminabili giorni di sofferenza che aspettano Terry non è un atto disumano, ma è semplicemente il dare una morte onorevole ad un corpo che non può più vivere. Serva questo a chiarire non solo la distinzione tra quello che sta succedendo al corpo di Terry in questi giorni, e l'Eutanasia vera, ma anche per comprendere meglio i motivi che dovrebbero rendere l'Eutanasia una pratica legale.

Personalmente non ho alcun dubbio sul lasciare che Terry abbia la possibilità di morire. Ma su questo non voglio discutere, non in questo post almeno. Si tratta, in questo caso di una questione di pura coscienza. E' mia opinione che la "vita" sia qualcosa che va oltre il semplice respirare e nutrirsi, perciò lo stato vegetativo di Terry non lo considero una vita che valga la pena di essere vissuta se non per artificialmente alleviare la sofferenza dei genitori spalmandola su 15 anni. Ma se Terry, avrà la forza di raccogliere i suoi pensieri e di dire due semplici parole, "ho fame", tutto cambierà, e nessuno impedirà che ad ella sia dato nutrimento.

Ma questa è solo una mia opinione naturalmente.

powered by IMHO 1.2

Vivo fuori dal mondo?

E' una triste, ma ovvia constatazione. Le voci che mi giungono dal mainfeed, a sunto della giornata di oggi all'Architect Day, mi hanno fatto considerare le difficoltà che la distanza da Milano mi crea, e alle opportunità, come quella di oggi che spesso mi perdo.

Non è certo, occasione di tutti i giorni, incontrare una persona come immagino sia David Chappel, ma gli impegni di lavoro, e la distanza mi hanno costretto anche questa volta a passare. Non che ami particolarmente la città di Milano di cui peraltro ho rifiutato già molto tempo fa di diventare cittadino, ma spesso mi trovo "isolato" proprio a causa dei chilometri che mi separano da essa.

Già, vivo "fuori dal mondo", ma alla fine dei conti non cambierei. Mi piace troppo la mia terra per pensare di sradicarmi per una città del genere. Sarà anche il centro del mondo, ma alla fine penso che qui si viva meglio, anche se questo mi costringe a delle levatacce per frequentare i Workshops.

Sarà meglio che qualcuno si sbrighi ad inventare il teletrasporto...  

powered by IMHO

Login e le tabelle

Non è molto che ho scoperto, con somma gioia, l'uso dei soli "div" e degli stili nella realizzazione di pagine web, grazie a Giulio, un collega grafico che ha fatto di questa tecnica un'arte. Questa sera, mentre imbellettavo la form di login di .TRAQ, che usa il controllo Login di ASP.NET 2.0 e le (quasi) favolose Membership API, eccomi nuovamente alle prese con le tabelle.

I controlli ASP.NET dedicati all'autenticazione a a quant'altro vi gravita attorno, hanno una caratteristica molto interessante, ovvero la possibilità di diventare "template", consentendo così la customizzazione spinta del loro aspetto. E così ho fatto, cliccato l'apposita voce nel menu mi sono dato da fare per ripulire il codice dalla tabella che il controllo genera autonomamente e poi a ricostruirlo del tutto con dei blocchi opportunamente dimensionati.

Tutto è filato liscio, la compatibilità con Firefox è arrivata in un baleno ma poi mi sono perso una buona ora a cercare di capire perchè non mi riusciva di centrare il box. Se non fossi stato tratto in inganno, dalla parola "template", probabilmente l'arcano sarebbe stato scoperto molto più rapidamente, ma alla fine eccolo spuntare andando a sbirciare nel sorgente generato.

Il controllo Login, in versione "template" racchiude il tutto in una bella (si fa per dire) tabellona di una riga per una cella, perciò quello che tipicamente si metterà all'interno dei tags <LayoutTemplate> deve essere sempre considerato racchiuso in un guscio protettivo costituito da table, tr e td.

Sinceramente, con tutta la buona volontà non sono riuscito a trovare una buona e soprattutto valida giustificazione per questo comportamento. Se di template parliamo lascia che mi arrangi fino in fondo dico io. Comunque tant'è. Scoperto l'inganno la soluzione è stata semplice, ma la questione rimane.

Perchè devo agire sotto tutela?

powered by IMHO

IMHO docet?

Scaricata ed installata la nuova versione di RSS Bandit, la prima cosa che mi è bazata all'occhio è la seguente:

Sicuramente gli utenti di IMHO riconosceranno lo stile del mio programma. Considerato che so per certo che Dare Obasanjo ha installato e provato IMHO, si sarà per caso ispirato?

powered by IMHO 1.2

 

Firefox è peggio di Internet Explorer!!!

Mettete immediatamente giù gli scudi e non pensate nemmeno di striscio di crocefiggermi. La frase che da il titolo a questo post è giustificata dagli ultimi dati che la Symantec ha fornito in merito alle vulnerabilità riscontrate nei browser negli ultimi 6 mesi del 2004. Dai dati si evince innanzitutto che il numero di falle nei browser della famiglia Mozilla è in netta crescita, come largamente prevedibile. Altre volte ho avuto occasione di disquisire in materia, ma se è evidente che non è possibile considerare immune un software da bugs di ogni genere, è altrettanto evidente che lo sfruttamento delle stesse da parte di hackers è direttamente proporzionale alla percentuale di share di mercato che un browser detiene.

Questa notizia quindi deve innanzitutto essere considerata positivamente dagli utenti di Mozilla, perchè indica che è stata superata una soglia di interesse importante. Al tempo stesso, è questa è la mia speranza, è tempo che i duri e puri di Firefox & co. si rendano conto che non sarà il loro browser prediletto a salvare il mondo dal malware, ma che anch'esso deve scendere dall'olimpo in cui è stato posto, nella più umana arena in cui si dovrà confrontare ad armi pari con i comuni browser-mortali.

Link: Symantec: Mozilla-based browsers increasingly targeted by hackers

powered by IMHO 1.2

 

Un piccolo passo per l'umanità, un grande passo per un uomo!

No, non avete letto male e non si tratta di una citazione errata. Partendo dal presupposto che probabilmente l'umanità non sarà nemmeno sfiorata da questo mio post, segnalo un evento di estrema importanza che mi è accaduto oggi.

Per la prima volta ho varcato la soglia del mio...studio!!!

Giusto per fare da Cicerone ai miei visitatori, sullo sfondo potete godere della visione di un casolare di campagna del Trevigiano dal quale tipicamente escono solo rumori di galline che chiocciano. Accanto ad esso un bellissimo "pescheto" (si dirà così?) che da il suo meglio a primavera. Per l'arredamento sono ancora molto dubbioso. Occupare tutti i 3,50mt di parete (quella dove ci sono le tavole in piedi) con un piano di lavoro sul quale depositerò portatile, desktop e qualunque altro tipo di periferica, oppure una scrivania che mi permetta di accogliere i visitatori dando le spalle al pescheto? Di certo nell'anfratto che nascerà sulla destra quando i muratori avranno aggiunto le pareti troveranno spazio le apparecchiature di rete e un serverino casalingo.

powered by IMHO

 

Un'altro sabato inizia...

La scaletta degli impegni di oggi è densa. Da quando abbiamo iniziato i lavori della nuova casa è più pesante il sabato del lunedì. Ma almeno lo faccio per me..

Vado...

powered by IMHO

Profilers for the CLR

Brad Abrams, segnala in un post i Profiles attualmente in sviluppo e rilasciati per il framework .NET

Link: Profilers for the CLR

powered by IMHO 1.2

Un Prodi sul filo del rasoio

Mentre la chiesa sta sempre più nettamente facendo propaganda elettorale per l'astensione dal referendum, c'è chi deve dribblare le posizioni contrapposte all'interno della propria coalizione, per evitare che il patatrack si senta fino in Siberia. Un esempio è Prodi, che pur di non scontentare nessuno preferisce non esprimere la propria opinione in merito alla fecondazione assistita, tradendo così in un colpo solo, se stesso, la chiesa e la sinistra della sua coalizione.

«Non intendo più intervenire, nè lo farò in seguito sui temi del referendum»

Certo che con le prese di posizione della chiesa non si può certo biasimarlo.

«Ci auguriamo che la maggioranza degli italiani non vada alle urne quando si svolgeranno le votazioni referendarie». Scritto nero su bianco da Civiltà Cattolica, la posizione della Chiesa sui referendum che riguardano la fecondazione assistita è ormai più che ufficiale.

La domanda che mi pongo, dato per assunto che in politica prima o poi queste cose si pagano, è quanto tempo passerà prima che Prodi debba passare alla cassa?

Fonte: Prodi: di referendum non parlo più

powered by IMHO 1.2

Articoli: Caching Framework

Dato per scontato che probabilmente sono l'ultimo che ha acquistato la rivista, questo mese su CP appare un altro degli articoli sugli Application Blocks. Argomento dell'articolo è il Caching Framework Application Block, uno di quelli che più apprezzo, perchè porta anche in ambiente Windows Forms le funzionalità di Caching di ASP.NET.

Buona lettura. 

powered by IMHO 1.2

 

Come installare assieme il Framework 1.1 e la service pack

Attraverso bink.nu ho scovato un post sui blog MSDN che spiega come sia possibile creare un setup che installi il framework e la relativa Service Pack in un solo colpo.

Link: Creating a combined install point with the .NET Framework and a service pack

powered by IMHO 1.2

 

Visual SourceSafe 2005

Finalmente riesco a sentire parlare anche di Visual Source Safe 2005, che dovrebbe uscite assieme a Visual Studio 2005. Da utente soddisfato di Vault, non dovrei nemmeno preoccuparmene, ma lo spazio di miglioramento di Visual Source Safe 6a (quello di VS 2003) è davvero tanto e mi aspetto degli enormi passi avanti che portino questa versione almeno allo stasso livello di CVS. Ecco una lista delle feature:

  • Remote Web Access over HTTP
  • Enhanced Performance and Stability
  • Increased Capacity
  • Regional Time Zones and Languages
  • Enhanced Customization
  • Support for Custom Viewers, Merge Tools, and Editors
  • Managed Code Extensibility
  • Automate Your Team Processes
  • Web Development and Productivity Improvements
  • Unicode and XML Support
  • Check Out Improvements
  • Web Project Enhancements

Conto molto sulla velocità. Da utente esigente quale sono mi trovo spesso ad usare il versioning in team distribuiti su grandi distanze e in questi casi la velocità è davvero indispensabile. Se VSS 6.0 era pressochè inusabile, spero grandi cose nella release 2005.

Fonte: Visual SourceSafe 2005

powered by IMHO

Google Personalized

Un nuovissimo servizio su Google consente di effettuare ricerche specificando in un profilo i propri interessi. Molto interessante e funziona molto bene. Io ho impostato un po' frettolosamente i parametri, poi ho scritto "test" e spingendo il potenziometro della personalizzazione al massimo ho trovato come primo risultato un post su JUnit.

Ok, non è esattamente quello che avrei voluto trovare, ma apprezzo lo sforzo.

Link: Google Personalized Search

powered by IMHO

 

IMHO: Pubblicata la Service Release 1.2.1902

Visti i bug che mi sono stati riportati e i problemi con l'adapter di blogger.com ho deciso infine di pubblicare una service release, denominata 1.2.1902 che risolve la maggior parte di questi problemi.

A quanto pare il problema dei link troncati, segnalatomi da Lorenzo, IMHO se lo portava dietro da un bel po' di tempo, ma finalmente spero di avergli dato soluzione definitiva. Quanto a blogger, ho dovuto adattare il plugin per funzionare sotto SSL con invio del'autenticazione in clear-text. Sicuramente un mezzo più sicuro per i post degli utenti di blogger, ma ho dovuto tirare ad indovinare per risolvere il problema dato che come sempre la poca documentazione è anche molto criptica.

Come sempre l'installer di IMHO è scaricabile dal seguente indirizzo: http://imhoproject.org sezione downloads.

A tutti i lettori un invito a scaricare la versione più aggiornata e un augurio di buon blogging.

powered by IMHO

 

IE7 and CSS: Microsoft has been challenged

Il CTO di Opera, in un recente articolo apparso su News.Com sfida gli sviluppatori Microsoft e l'azienda stessa ad portare una completa integrazione dei CSS in Internet Explorer 7.0.

...To the IE 7 developers, I want to say:

You are smart and talented. You know Web standards as well as anyone. You were capable of fixing IE in the past, but your managers didn't let you. You now have a new chance to get it right--don't waste it. Download Acid2 when it's released and get in touch if you think it's unfair for any reason. Resist pressure from management to ship before you are done--spend the extra time it takes.

Forse però qualcuno dovrebbe ricordargli che l'uscita di una nuova versione del browser non comporta l'immediata distruzione di tutti quelli precedenti. In una operazione di integrazione, gli sviluppatori Microsoft avranno ben altre sfide da affrontare, la prima delle quali è l'assicurare la compatibilità con le vecchie versioni di Internet Explorer. Sempre che qualcuno non desideri la rivolta dei webmasters.

Fonte: IE7 and CSS: the Acid2 test - Microsoft has now been challenged

powered by IMHO 1.2

Star wars Episodio III

Per la gioia mia e di Andrea, arriva Star Wars Episodio III.

Link: Spade laser, misticismo e politica torna Star wars con Episodio III

Grazie a Francesco per la segnalazione.

powered by IMHO 1.2

 

IE7: Sarà anche "rincon"... ma le premesse sono buone!

Ecco qualche buona novella in merito al nascente browser di casa Microsoft.

IE 7.0 will feature international domain name (IDN) support; transparent Portable Network Graphics (PNG) support, which will allow for the display of overlayed images in the browser; and new functionality that will simplify printing from inside IE 7.0, partner sources said. The new browser also will likely include a built-in news aggregator.

Ehm... non è che vogliono includere anche un editor per i blog?

Fonte: Microsoft Internet Explorer 7.0 Details Begin to Leak

powered by IMHO 1.2

Vi prego... non "rincon"!!!

Da un articolo trovato su WindowsBeta sono venuto a conoscenza del nome in codice di Internet Explore 7.0.

"Sources say that IE 7.0 – which is code-named "Rincon," they hear – will be a tabbed browser."

Vi prego, facciamo una petizione per cambiarlo?

Fonte: Microsoft Internet Explorer 7.0 Details Begin to Leak

powered by IMHO 1.2

Altri 1000 di questi record!

Adrian mi ha fatto notare che un mio post ha appena abbattuto il numero di 5000 post nell'intero feed dell'UGI.

Grazie a tutti i blogger!!!

powered by IMHO 1.2

The BlogCast Repository

Bink segnala questo splendido blog che funge da repository i webcasts.

Link: The BlogCast Repository - A Microsoft Community Resource

powered by IMHO 1.2

A "great" blog day!

E visto che ci sono annoto anche le annotazioni:

Links: Now, that is what I call a blog day!

powered by IMHO 1.2

Java Cross-browser flaw

Se è vero, ma ancora da dimostrare che Firefox è un browser più sicuro di Internet Explorer, ora ci si mette Java a spianare la strada ai malware di ogni genere. Una recente falla segnalata da WindowsBeta.net fa piazza pulita di ogni parvenza di sicurezza, di qualsiasi browser.

Link: WindowsBeta.Net - Java Flaw Enables Cross-Browser Attack

powered by IMHO 1.2

 

Java's "erased world"

Quoto ancora uno spezzone dell'intervista ad Anders Hejlsberg che conferma quanto avevo riportato in un mio vecchio post e nel successivo articolo uscito su CP di Novembre:

You wouldn't get any efficiency from using generics with primitive types. When you take things out of a list of a certain type, for example, the compiler needs to insert type casts. Nonetheless, they still incur the overhead that they always did at runtime, so you don't get any execution efficiencies from using generics in J2EE.

The other thing is more subtle, but more important. When you erase type information at compile time, you don't have faithful reflection at runtime. So, you wind up with fewer features available. The industry is relying more and more on dynamic code generation, so it is more important that we have faithful type representations at runtime. In .NET, you can go to any object at runtime and ask it what its type is. For example, with generics in .NET 2.0, I can actually go ahead and understand that I am holding a list of integers. In Java's "erased world," I only know that I have a list - I have no idea what is in the list.

Fonte: .NET Developer's Journal

powered by IMHO 1.2

IMHO: L'ho beccato

Concludo questa "ondata" di post segnalando che per puro caso ho finalmente scoperto l'origine del bug dei links, che poco fà ho citato.

Il bug non è nella finestra di gestione dei links, che di primo acchito mi pareva il posto più ovvio dato che era una feature più recente, ma bensì il quoting da Internet Explorer, che per qualche oscuro motivo tende a troncare i links.

Bug compreso == Bug risolto?

powered by IMHO 1.2

Nullable o non Nullable?

Non mi permetterei mai di discutere le parole di Anders Hejlsberg, che nella citazione della sua intervista qui riportata disserta sui Nullable Types recentemente aggiunti al Framework 2.0 (ma che noi abbiamo già ampiamente sperimentato grazie a Luca). Tuttavia vorrei dire che personalmente sto lentemente passando da un approccio nel quale mi portavo i "null" fino ai livelli applicativi più alti (UI e BL) a quello attuale nel quale tendo a sbarazzarmi dei "null" il più presto possibile, che trovo decisamente più efficace. Ritengo quindi che se i nullable types troveranno applicazione, non debba essere necessariamente quella legata ai database la più frequente.

People do a lot of database access, and yet there are some pretty notable impediments to interactions between databases and programming languages. One of these mismatches is the absence of nullable types from programming languages. SQL databases have always had nullable types, but programming languages have never had nullable types. One of the things that you are sort of seeing here is the beginning of us trying to think really deeply about this problem. Nullable types are a specific problem that we are solving as a part of .NET 2.0. In .NET 1.0, value types can't be null, but in 2.0 they can.

Vista la caratura del personaggio che quoto, qui un bel IMHO ci sta davvero bene.

Fonte: .NET Developer's Journal

powered by IMHO 1.2

Anders Hejlsberg sul futuro di C#

Cito una frase dall'intervista a Anders Hejlsberg, qui sotto linkata che da la sensazione del tipo lavoro che sta attualmente compiendo il team di C#.

On the other hand, if you could just take the conceptual things that are in two languages and merge them into one, you could get a much more productive environment. This is the approach to data I want to take in future versions of C#.

Fonte: .NET Developer's Journal

powered by IMHO 1.2

Nuova serie di Webcasts sui prodotti della serie 2005

Su MSDN sono segnalati dei webcasts su Visual Studio 2005 e Sql Server 2005. Inutile dire che sono in lingua inglese, ma non fosse altro che per vedere le figure  vedrò di parteciparvi.

Link: Visual Studo 2005 Beta 2 and SQL Server 2005 Beta 2 webcasts in April 2005

powered by IMHO 1.2

IMHO: Plugin per Firefox #2

Aggiungo una annotazione che ho dimenticato nel mio precedente post: il plugin aggiornato è scaricabile dalla sezione plugins del sito http://imhoproject.org

powered by IMHO 1.2

IMHO: Nemesi di un bug.

Più di qualcuno si sarà accorto dei problemi che hanno avuto recentemente i link postati nel mio blog. A quanto pare siamo giunti alla nemesi di un bug che ormai si sta trascinando da un po' troppo tempo. Il fatto è che nonostante le interazioni con gli utenti a tuttoggi non sono riuscito a comprendere appieno l'origine del bug che talvolta causa la sostituzione di un "about:blank", altre volte la troncatura dei parametri di query string del link.

Se qualcuno ha suggerimenti, impressioni e quant'altro è il benvenuto.

powered by IMHO 1.2

IMHO: Plugin per Firefox

Mi sia consentito di ringraziare con questo post, Diego Guidi che ha investito parecchio del suo tempo libero per regalare ad IMHO uno splendido plug-in per Firefox. Il plugin permette di emulate al 100% le caratteristiche dell'analogo plug-in per Internet explorer che viene installato di default da IMHO.

L'installazione del plugin-in è molto semplice. Dopo aver scompattato il file .xpi dallo zip che ha fornito Diego occorre aprire Firefox e con il menù File->Open file... cercare ed aprire il suddetto .xpi. Dopo aver confermato a Firefox l'installazione è necessario chiudere e riaprire il browser che a questo punto chiederà qual'è la cartella dove è situato l'eseguibile imhoie.exe che serve al plug-in per inviare i post ad IMHO. Questo eseguibile si trova nella medesima cartella di installazione di IMHO.

Non mi rimane che segnalarvi un piccolo "tip". Se qualcuno volesse sbirciare nel sorgente del plug-in, sarà sufficiente rinominare il file da xpi a zip e magicamente si sarà in grado di avere accesso ai più reconditi file della complessa struttura del plugi-in. So comunque che Diego ha pubblicato anche i sorgenti in chiaro, percò so di non aver rivelato nulla di segreto.

powered by IMHO 1.2

 

Io no che non mi astengo...

Il tempo dei referendum si avvicina e le iniziative si moltiplicano. E mentre io vado dicendo che astenersi è "fuori moda", ecco che spunta una nuova campagna che mi segnala l'associazione Coscioni. 

Accanto al motto "Io non mi astengo", riportato anche sulle magliette della campagna che ho riportato qui a fianco, anche un bellissimo neologismo: Il Battiquorum.

http://www.4si.it è il sito di riferimento della campagna referendaria per il Sì al referendum contro la legge 40 sulla fecondazione assistita, ma anche un punto di riferimento per chi pur ritenendo legittimamente che sia corretto votare No, non vuole che questo suo diritto venga buttato al cesso da quelli che invece in modo del tutto incivile si adoperano per far fallire il quorum.

Il sito, in puro stile "radicale" è anche un blog cui chiunque può partecipare lasciando il proprio messaggio oppure inviare un banner creato di propria fantasia.

Bellissimi infine, i contributi alla campagna dei personaggi dello spettacolo. Nel sito è presente una sezione in cui sono raccolti i filmati, dalle Iene a Fabio Volo, dove viene citata in qualche modo la campagna referendaria. Tutti assolutamente da vedere.

powered by IMHO 1.2

DateTime in Whidbey

Nel nuovo Framework .NET 2.0 molte cose hanno subito una revisione anche laddove a prima vista può essere meno evidente. E' questo il caso ad esempio del tipo DateTime che dal prossimo frameword disporrà di nuove caratteristiche quali ad esempio il supporto per l'ora legale e parzialmente per la timezone. Nel link che propongo in questo post, si trova una dettagliata spiegazione di queste novità, dei motivi che hanno spinto alla loro adozione ed un buon numero di link di approfondimento.

Link: What are the New DateTime Features in Whidbey [Anthony Moore]

powered by IMHO 1.2

DPack 2.0

Ecco un utile add-in per Visual Studio 2003/2005. Aggiunge all'IDE delle funzionalità per la navigazione del codice e di pseudo-refactoring.

Ottimo e gratuito...

Link: USysWare DPack Home

powered by IMHO

TriOS - Object Oriented Operating System

Che si stia aprendo una rivoluzione nei sistemi operativi? A giudicare da quanto si legge in questo post di Jon Galloway si direbbe di sì. TriOS è un progetto per un sistema operativo completamente Object Oriented davvero interessante.

Link: TriOS - Object Oriented Operating System

powered by IMHO

The time of password-only authentication is gone

Parola di Microsoft.

A quanto pare in longhorn non ci sarà più l'autenticazione con la sola password...

Link: Bink.nu | Microsoft To Ditch Passwords for Longhorn

powered by IMHO 1.2

Malicious Software Removal Tool

Lo so che anche voi ve lo siete chiesto quando Windows Update vi ha mostrato l'avviso: ma che è 'sto Malicious Software Removal Tool?

Ecco un breve articoletto che ne spiega i motivi e le caratteristiche.

Link: Virus Management: Overview of the Malicious Software Removal Tool

powered by IMHO 1.2

.NET 2.0: SettingsProvider

Proseguendo l'indagine nella configurazione dell'applicazione del Framework 2.0, sono finalmente venuto a capo del SettingsProvider.

Il SettingsProvider è una classe, che si occupa della serializzazione/deserializzazione delle informazioni di configurazione, di una classe derivata da ApplicationSettingsBase. Un SettingsProvider si compone di un metodo GetPropertyValues() che riceve in input l'elenco delle proprietà della classe da deserializzare che sono marcate con un attributo di scope come UserScopedSettings o ApplicationScopedSetting e di uno speculare metodo SetPropertyValues() che invece riceve i valori da serializzare, corrispondenti alle suddette proprietà.

L'uso classico di un SettingsProvider potrebbe essere ad esempio quello di serializzare e deserializzare le informazioni di configurazione su un file crittato. Per fare questo si dovrà creare una classe che deriva da ApplicationSettingsBase che esponga tutte le informazioni di configurazione (vedi qui).

A questo punto si potrà realizzare una classe, derivandola da LocalFileSettingsProvider e fare l'override delle proprietà e dei metodi che la compongono, facendo particolare attenzione ai sopracitati GetPropertyValues() e SetPropertyValues(). Al loro interno si andrà a decrittare le informazioni di configurazione e a comporre una collection di valori o viceversa a serializzare le informazioni e poi a crittare il file.

Ecco un breve esempio:

public class CryptoSettingsProvider : LocalFileSettingsProvider
{
    
private string mName;

    
public override string ApplicationName
    {
        
get return mName;  }
        
set { mName = value; }
    }

    
public override string Name
    {
        
get return "CryptoSettingsProvider"; }
    }

    
public override SettingsPropertyValueCollection GetPropertyValues SettingsContext context, SettingsPropertyCollection ppc)
    {
        
// deserializzare il file crittato
    
}

    
public override void SetPropertyValues(SettingsContext context, SettingsPropertyValueCollection ppvc)
    {
        
// serializzare il file critato
    
}
}

Il collegamento tra il SettingsProvider e la classe di configurazione si ottiene per mezzo dell'attributo SettingsProviderAttribute nel cui costruttore andrà specificato come tipo da istanziare il provider appena creato. Ecco l'attributo

[SettingsProvider("Elite.Test.CryptoSettingsProvider,Elite.Test")]

Occorre fare importanza anche alle proprietà della classe, oltre ai metodi. Personalmente la proprietà "Name" ha dato parecchi problemi dato che non c'era scritto da nussuna parte che era obblogatorio farne l'override.

powered by IMHO

 

Click of the week: One way stairway


One way stairway - Nikon Coolpix 880

Non fermatevi a quello che vedete. Certo, è un segnale stradale come ce ne sono tanti, ma il contrasto con il colore complementare lo rende unico.

Photo Blogs

Ecco una serie di Photo Blogs che vale la pena di linkare:

L'elenco è preso direttamente dal sito di PUBLICity, una manifestazione fotografica su Toronto

http://www.spacing.ca/gallery/

powered by IMHO 1.2

Blogger, APIs and SSL

Quest'oggi grazie alla segnalazione di Francesco sono venuto a sapere che l'adapter di IMHO per Blogger, pare non funzionare più. Una breve indagine, sulle pagine dedicate agli sviluppatori mi ha rivelato che la community ha inopinatamente deciso di porre tutti i suoi servizi sotto SSL causando così l'interruzione del servizio per tutti coloro che si appoggiavano a dei tool simili a IMHO.

Non si può certo dire che a blogger interessi molto la continuità del servizio che danno ai propri iscritti, dato che a loro non è stata data la benchè minima informazione. Provvederò al più presto alla patch. Per ora suggerisco di chiedere a blogger la passord "temporanea", che viene citata nell'articolo qui sotto linkato.

Fonte: Blogger Developers Network

powered by IMHO

Cena dei blogger: ora è davvero finita

Tutto è filato come un orologio. Arrivato al parcheggio vi ho trovato i miei due compagni di viaggio che mi attendevano e subito ne è nato un buon feeling, che ci ha accorciato la strada sotto le ruote. Così, l'appuntamento sotto "la ragazza della GoldenPoint", all'uscita di Sirmione, è arrivato con buona mezzora di anticipo, che abbiamo investito in inversioni di marcia repentine, imputabili ad un TomTom un po' disorientato, non so se dalla nuova macchina di Lorenzo o dalla zona non del tutto coperta. Alla fine, dopo un tragitto in cui pareva lo facessimo apposta ad andare nella direzione opposta alle indicazioni stradali, siamo giunti a Castellaro Lagusello, un paese in provincia di Mantova che ad occhio e croce pare proprio un posto ove tornare con la luce del sole.

Ringraziamenti, saluti e foto a parte, quello che rimane della cena di ieri sera è davvero la facilità con a quale sono stati affrontati argomenti anche molto personali. Ognuno di noi in modo diverso, Lorenzo con la sua esplosiva dialettica, Roberto con la passionalità che lo contraddistingue, io molto meno logorroico che blogorroico, e gli altri, abbiamo discusso innanzitutto di ciò che ci aspettiamo dalla nostra vita, prima che dalla Microsoft, con contrasti e comuni sentire, ma semplicemente, senza considerare che a tutti gli effetti eravamo dei perfetti sconosciuti (blog a parte).

Poi immancabilmente il discorso ha toccato l'informatica, .NET e Java, i Workshop, e gli eventi recenti, l'Enterprise Library, lo Unit Testing e la politica di Microsoft nei confronti dell'open-source. Testimone sia Francesco "jazzer", che tutto è fuorchè un'informatico, ma alla fine dei conti credo non si sia certo annoiato di fronte a degli argomenti che poco gli competono, ma ai quali ha dato il suo apporto da esperto di pratiche legali.

Poi, sulla via del ritorno, mentre i fanali delle nostre vetture puntavano in direzioni opposte, io, Francesco e Luka ci siamo trovati a discutere anche di politica, e di questo nostro povero paese che taluni politici di destra e di sinistra stanno mandando in "malora".

La serata, si è conclusa, nel parcheggio di un centro commerciale quando ci siamo divisi con la promessa di riprovaci, e ognuno ha imboccato la via per tornare alla propria dimora. 300 Km in totale tra andata e ritorno che sono durati un battito di ciglia, ma il cui ricordo rimarrà di certo molto più a lungo.

Grazie a tutti.

powered by IMHO

Cena dei blogger: la gallery per il resto

Per chi vuole assaporare fino in fondo i momenti della cena, è disponibile una gallery con un buon numero di foto. Consentitemi ora di ringraziare tutti i partecipanti per la piacevolissima serata, Emanuele che ci ha segnalato il ristorante che per rapporto qualità-prezzo potrebbe tranquillamente candidarsi a blogger-home per le prossime cene, e tutti quelli che anche se non sono potuti venire so per certo che sono stati con noi con il cuore, anche se non con lo stomaco.

powered by IMHO

Cena dei blogger: Chi siamo, dove andiamo, come lavoriamo?

Il clima si è subito scaldato, ela discussione piacevolmente è iniziata con uno spunto di Lorenzo su un tema tutt'altro che informatico. Qui vedete Roberto nel momento di massimo Pathos, mentre ci stava raccontando dell'energia che suo figlio gli regala ogni sera al ritorno dall'ufficio.

Ma è stato Lorenzo ad erudirci sul suo modo di intendere il lavoro e la vita, su come riesce a lavorare bene senza la tenagla della fretta che è la croce di tutti noi programmatori.

Il discorso è stato di un interesse estremo. E' da un po'che mi pongo certe domande e trovare qualcuno che vi ha dato una risposta è veramente importante.

 

 

 

 

 

 

 

powered by IMHO

Cena dei blogger: Ecco i pochi ma buoni!

La formazione comprendeva da sinistra a destra: Lorenzo, Luca, Roberto e Francesco, non che il sottoscritto che stava dietro la macchina fotografica. Qui la posa plastica sottolinea il leggero appetito che ci attanagliava.

powered by IMHO

 

Cena dei blogger: cosa ci aspettava

Arrivo un po' triste ieri sera, soprattuto quando ci siamo trovati di fronte alla tavolata, imbandita per 15 commensali, che ci stava aspettando. Inutile dirvi che la tristezza è durata solo un minuto, fino a quando, racolti attorno alla tavola a fianco ci siamo resi conto che eravamo più che a sufficienza per farne uscire una bella serata.

Il menù ci ha davvero aiutato:

Antipasto di salumi

Un risotto con funghi e salamelle

Asino stufato con polentina

Un ottimo tiramisù

Caffe

Questa la mia scelta, ma c'è chi si è deliziato con Polenta e Gorgonzola opure con un'anatra intera!

 

 

 

 

 

 

 

powered by IMHO

Agggg.

Stavo rispondendo ad un messaggino SMS quando mi sono reso conto di una curioso quanto ilare coincidenza.

Se provate a scrivere la seguente sequenza su un telefonino con il T9:

agggg

Ottenete:

Chigi

Che voglia dire qualcosa?

powered by IMHO 1.2

Cena dei blogger: I superprogrammatori e le superforchette!

L'unico non "superprogrammatore" di stasera promette bene come "superforchetta".

Mi spiace per chi non ci sarà!

Fonte: http://www.jazzer.it/2005/03/questa-sera-cena.htm

powered by IMHO 1.2

Enterprise library for .NET 2.0

Qualche parola su Enterprise Library 1.0 da parte di Somasegar, rivela che si stà già lavorando alla release per .NET 2.0.

The next release of Enterprise Library will target the .NET Framework 2.0 and Visual Studio 2005.

Fonte: Enterprise library

powered by IMHO 1.2

.TRAQ: Lo staging è pronto.

Finalmente ho predisposto l'ambiente di staging per .TRAQ.

http://sirio.aplexa.com:81

Si tratta di un Virtual Server con installato:

  • Windows 2003 Server Standard
  • SQL Server 2005 BETA 1
  • .NET Framework 2.0.40607

Al momento si trova solo uno splash screen ovviamente, ma al più presto spero di riuscire a mettere online la login al sistema.

powered by IMHO 1.2

700 - Stasera una bottiglia la offro io!

Curioso notare che proprio oggi, in occasione della prima Cena dei Blogger, ho toccato la vetta dei 700 post nel blog. Mi sa che mi tocca offrire un brindisi... basta che poi non vi fermi la stradale sulla via del ritorno!

Ok, spero proprio di non avervi annoiato con i miei 700!

powered by IMHO 1.2

Visual Studio 2005 beta 2 ad Aprile

PC World conferma. La Beta 2 di Visual Studio 2005 arriverà a fine marzo. Che poi sia inizio Aprile o fine Marzo, questo è solo una questione di punti di vista...

Fonte: Visual Studio 2005 beta 2 delayed to April

powered by IMHO 1.2

Password complesse ma semplici...

Le password sono una delle "croci" che internet ci ha sbattuto addosso. E' sempre un problema ricordarle tutte, e tipicamente si tende ad usarle troppo semplici quando addirittura non banali. Tipica è la data di nascita della "morosa" oppure il nome della mamma. Inutile dire che se si vuole mantenere almeno una parvenza di sicurezza, è implicito che tali password vadano evitate.

Personalmente ho raffinato un metodo abbastanza efficace per creare delle password che siano al tempo stesso complesse ovvero contengano una combinazione di lettere cifre e caratteri "strani", ma anche facili da ricordare. Il principio è molto semplice e vale almeno per noi italiani, ma credo che sia lo stesso per paesi con altre lingue. Occorre dare alla password una "fonetica" simile ad una parola comune. Percio, una combinazione di sole consonanti è del tutto da evitare:

fg$yt1zr

E praticamente impossibile ricordare una password così fatta, a meno di non scriversela. Questo perchè il nostro cervello non è in grado di ricordare facilmente più di 6 gruppi di informazioni assieme. Dato che i caratteri sono 7, diventa un esercizio difficile memorizzarla. Se invece si inizia ad intercalare una consonante con una vocale le cose cambiano:

fodigebo

Un password così fatta diventa "pronunciabile" e per questo motivo più facilmente memorizzabile, proprio perchè assume una connotazione di parola "unitaria" e perciò supera il limite del 6. A questo punto occorre però introdurre almeno una cifra e un carattere tipografico non alfabetico.

fodi:gebo56

Ecco una password che unisce complessità e semplicità. Al suo interno racchiude 4 gruppi: una parola, un simbolo, un'altra parola e una cifra. Anche se è molto lunga (11 caratteri) è piuttosto semplice ricordarla.

IMHO naturalmente.

powered by IMHO 1.2

 

Quale SQL Server?

Ieri mi è capitato di dover installare Reporting Services su un database SQL Server 2000 di cui non conoscevo l'edizione. A quanto pare, Reporting Services è un po' schizzinoso e richiede che l'edizione sia analoga a quella del database cui si collega. Ecco quindi come si fà per conoscere la versione e l'edizione:

SELECT @@Version;

L'ultima riga dell'output contiene l'informazione che si cerca. Lo so, è banale, ma mi ci è voluto un bel po' per trovarlo, quindi a futura memoria...

powered by IMHO 1.2

Microsoft Office 12 Preview 1 - La censura

L'articolo linkato da questo mio post , è stato rimosso per richiesta della Microsoft. A quanto pare, l'unica traccia che rimane dei dati che vi erano presenti è quel poco che i blogger sono riusciti a rilevare.

powered by IMHO 1.2

Microsoft's Web-based RSS Aggregator

Nel blog di Dare Obasanjo sono linkati due nuovi servizi che MSN sta sviluppando. Si tratta di un aggregator RSS online e di un Bookmark Manager. Ecco i link alle aree di test:

Rss Aggregator: http://www.start.com/1/

Bookmark Manager: http://www.start.com/2/

Provando un po' a smanettarci salta subito all'occhio che le pagine sono create usando delle chiamate out-of-band alla maniera di GoogleMaps. A quanto pare Google fa tendenza... Interessante notare inoltre che l'aspetto dell'aggregator è molto simile all'amministrazione di .TEXT. Sarà solo un caso?

Infine una curiosità: appena si entra nell'aggregator appare il messaggio: "Now in new Firefox flavor!". Infatti da qualche prova fatta appare proprio che il software sia perfettamente compatibile anche con questo browser.

powered by IMHO 1.2

Il grande flop dei figli in provetta

Ripropongo un link che il mio amico Francesco ha postato in un commento, perchè l'articolo è davvero significativo. Anche questa volta, come già successo per l'aborto e per il divorzio, la fecondazione assistita sta diventando un fenomeno di elite, dove solo chi ha i soldi si può permettere di provarci.

Link: Repubblica.it » scienza_e_tecnologia » Il grande flop dei figli in provetta

powered by IMHO 1.2

Cena dell'11 marzo: il veneto risponde all'appello

Ho avuto ora la conferma dei Veneti che parteciperanno alla cena domani sera. Al momento saremmo io, Luce Minudel e Francesco Soliani, il mio amico che spesso commenta qui e lì nel mio blog e negli altri (l'unico "lettore puro"!!!).

Il punto di incontro per i Veneti è il centro commerciale I Giardini del Sole a Castefranco Veneto per le 18:40. Io ho ancora due posti liberi in macchina. Qualche altro che si aggrega?

powered by IMHO 1.2

IE e gli Standards

Ancora una volta il team di Internet Explorer è a caccia di suggerimenti. Questa volta l'argomento è una bella "patata bollente". Si parla di Standard Compliancy. A parte che è opinabile il fatto che si dica che IE supporta appieno i CSS1, il proposito è buono. Sarebbe il caso di intervenire.

Link: IE and Standards

powered by IMHO 1.2

Un framework con i numeri

Curiosi di sapere quanti sono i PC nei quali sia installato il framework .NET attualmente? Il post collegato, riferisce una serie di numeri, suppongo riguardanti il mercato americano. A parte il titolo un po' ambiguo, nel post si trova la incredibile cifra di 120.000.000 di download del runtime dal sito Microsoft.

Link: .NET Framework penetration

powered by IMHO

 

Wired or Wireless... this is the problem!

Sto costruendo casa e mentre i muratori "gettano" i solai del primo piano e io mi appresto a varcare per la prima volta la soglia del mio studio, un dilemma mi affligge.

Wired or Wireless? Uno switch ben piazzato che mi porti 1gbit in giro per casa, oppure la magia della rete senza cavi per qualche mbit di pura goduria? E' ora il momento di prendere l'ardua sentenza, dato sì che le canalette presto saran distese.

Meglio che interrompa qui il parafrasare Shakespeare, che peraltro non ho nemmeno mai letto. Ma il dubbio che mi assale lo avrete compreso. Al momento propendo decisamente per l buon vecchio cavo, cui ben presto potrei affiancare un router wireless, mi venisse mai l'idea di bloggare dall'orto.

Voi marrani che ne pensate?

powered by IMHO

Microsoft Office 12 Preview 1

Un articolo cui sono giunto da WindowsBeta.net mostra la scaletta dei tempi per l'uscita della nuova suite di Office 12. La preview è prevista per Maggio 2005, ma disponibilità sarà per il tardo 2006. WindowsBeta.net suggerisce che la Microsoft potrebbe ritardare leggermente longhorn per "aspettare" il delivery di Office. 

Office 12 public disclosure: May 2005
Microsoft plans to begin unveiling the Office "wave 12 pillars" to key customers in May 2005, the earliest in an Office version's lifetime that the company has ever done so.

Beta 1: October 2005

Beta 2: First half of 2006
This will be available as a public beta as well.

Beta 3: Mid-2006
This will be available as a public beta as well.

RTM: Late summer 2006

General availability (GA): October 2006

Fonte: Paul Thurrott's SuperSite for Windows: Microsoft Office 12 Preview 1

powered by IMHO 1.2

Curiosando nelle statistiche

Ho scoperto che il mio post più gettonato del nuovo anno è Java Hole.

Ragazzi, va bene che siamo .nettari, ma non esageriamo!

powered by IMHO 1.2

Chernobyl: Qualcuno c'è stato.

Una motocicletta e un contatore Geiger hanno accompagnato questa temeraria centaura nell'esplorazione della zona circostante il reattore che esplose nel lontano 1986. Una sequenza di fotografie mozzafiato che mi ha segnalato un collega.

Link: GHOST TOWN - KiddofSpeed - Chernobyl Pictures - Kidofspeed - Elena

powered by IMHO 1.2

 

Cena del 11 marzo: ci siamo tutti?

Come ha rilevato Lorenzo, la cena è pronta per essere servita. Il ristorante è stato riprenotato, per lo stesso numero di persone, anche se speravo che qualcuno in più ci fosse. Purtroppo mi mancano ancora le adesioni di qualcuno, ma spero di recuperarle oggi.

A mio parere nemmeno lo tsunami potrebbe fermarci stavolta!

powered by IMHO 1.2

Click of the week: Winter sunset


Winter sunset - Nikon Coolpix 880

powered by IMHO

Pensieri da bagno: Bloggrandefratello?

Gia altre volte ho letto, nei post di altri nel mainfeed, annotazioni in merito alla "privacy aziendale", a quel confine sottile ed impalpabile che separa la legittima attività del blogger dalla rivelazione di informazioni appartenenti alla sfera del lavoro e che come tali dovrebbero rimanersene buone buone al suo interno. Devo rilevare però, che non è solo una questione di rendere pubblico un segreto aziendale, ma che forse anche la sola normale, innocente, espressione di idee potrebbe dare adito ad elaborazioni ed interpretazioni che viste da un occhio malizioso assumano un significato recondito.

Nello scrivere queste parole mi rendo conto che potrebbero sembrare uno sfogo di un affetto di mania di persecuzione, però voglio insistere. Supponiamo che un cliente si trovi a leggere il mio weblog, e da quello che scrivo ne desuma delle conclusioni, totalmente infondate, ma per lui davvero reali, fino al punto di modificare la propria opinione nei confronti dell'azienda presso cui lavoro. Magari non apprezza le mie idee politiche (non è nemmeno difficile...), oppure nei miei post rileva che le mie affermazioni, anche puramente tecnologiche, differiscono da quelle che gli vengono proposte come "linea aziendale".

Io mi ritengo fortunato, dato che il mio datore di lavoro non si sognerebbe mai di valutare il mio lavoro, usando i miei post come misura, ma non è detto che questo sia vero per un cliente. Ma l'argomento è davvero esteso. Immaginare una persecuzione credo sia una delle attività peggiori che la mente umana possa concepire. Si potrebbe persino ipotizzare che il cliente mi tenga d'occhio, munito di aggregator, monitori i miei post per sapere se sto lavorando oppure batto la fiacca. L'idea, per quanto malsana, deve essere presa in considerazione. Si sa che la meschinità della gente riesce talvolta a raggiungere picchi davvero sconcertanti.

Dovrei allora smettere di bloggare? No grazie, preferisco affrontare l'eventualità che qualche ipocrita possa tentare di interpretare a suo favore ciò che scrivo, piuttosto che regalargli la mia libertà. Davvero, non ho mezze misure quando scrivo, non tento di ammorbidire le mie opinioni, e pretendo che vengano rispettate come io rispetto quelle degli altri. Così, credo, essendo tutto nero su bianco, che non vi sia nessuna interpretazione possibile, che ne snaturi il significato.

E a proposito, non interpretate questo post, non si basa su fatti reali.

powered by IMHO

Ingerenza dello stato Vaticano

Nella giornata di ieri, il Cardinal Ruini ha invitato i cittadini italiani a non andare a votare al Referendum. Mettendo da parte tutte le considerazioni in merito alla legittimità di astenersi in una convocazione nella quale la propria astensione impedisce ai non astenuti di esprimere la propria idea, rimane da considerare che quanto va dicendo Ruini altro non è che una inammissibile ingerenza nella vita politica di un paese straniero.

Tant'è infatti quello che affermano i trattati firmati tra Stato Vaticano e Stato Italiano. Per dirla in breve, se a dire qualcosa del genere fosse stato un ministro Francese, per fare un esempio, la cosa avrebbe suscitato immediatamente la convocazione dell'ambasciatore francese per diffidare formalmente il suo paese dal continuare in questa direzione.

Perchè l'ambasciatore Vaticano non deve rispondere di questa ingerenza?

powered by IMHO 1.2

Using CLR Integration in SQL Server 2005

Su MSDN c'è un ottimo articolo che chiarisce molti dubbi sull'uso del CLR in SQL 2005. L'articolo copre gran parte delle argomentazioni e mi pare lo faccia anche con un buon numero di esempi.

Link: Using CLR Integration in SQL Server 2005

powered by IMHO 1.2

Google Desktop non è più beta

Google Desktop è uscito dalla beta e ormai è divenuto un software consolidato. Lo si nota nella gaina di download dove è sparita l'indicazione "beta".

Link: Google Desktop Search Download

powered by IMHO 1.2

Emma Bonino candidata all'ONU

Emma Bonino è stata candidata dall'Italia ad occupare la carica di Alto Commissario per i profughi, con il sostegno del Ministero degli Esteri. La candidatura sarà ufficializzata entro breve.

Fonte: Radio Radicale

powered by IMHO 1.2

Sugli ASCX e sui WebControls

Spesso, leggendo i newsgroups vedo che c'è una diffusa confusione sull'argomento UserControls e WebControls, non tanto in merito alla creazione dell'uno o dell'altro, ma soprattutto nell'utilizzo che hanno le due tipologie di controlli.

E' mia abitudine considerare in modo sostanzialmente diverso gli UserControl dai WebControl, e nel distinguerli ho adottato la seguente logica:

1) Lo UserControl è alla stessa stregua di una pagina. Questo non implica esclusivamente che vada "editato" in modo analogo, ma che esso possa fare accessi al database "diretti", ovvero senza dover esporre una proprietà datasource e acquisire i dati da visualizzare dalla pagina che lo contiene. Per questioni di prestazioni poi uso esporre nella pagina un oggetto "ConnectionManager" che mi consente di condividere la medesima connessione tra la pagina e lo UserControl contenuto.

2) Il WebControl, invece è una porzione di codice "completamente riutilizzabile". In soldoni, mentre la "riutilizzabilità" di uno UserControl ha uno scope di Applicazione, quello di un WebControl ha uno scope che esula dal dominio di una singola applicazione e non può essere diversamente perchè il riutilizzo in un'altra applicazione di uno UserControl ne comporta la duplicazione. Quindi i WebControls che sfrutto per mostrare dati adottano il consueto meccanismo di DataSource e DataBind().

Con questo criterio di lavoro mi sono sempre trovato bene e diventa immediatamente chiaro cosa si deve usare quando ci si trova nell'impasse. Si tratta di una mia assunzione e pertanto potrebbe essere soggetta a critiche, ma spero ceh qualcuno ne possa trovare beneficio.

powered by IMHO 1.2

 

ApplicationSettingsBase

La passeggiata odierna nel framework 2.0 è stata allietata da un bell'incontro: la classe ApplicationSettingsBase. Considero bello l'incontro perchè in questa classe ho ritrovato formalizzato quello che ormai è il mio abituale modo di incapsulare in una classe il file di configurazione dell'applicazione. Sono stato parecchio in giro, per il namespace System.Configuration, alla ricerca delle novità che lo riguardano, per decidere come comportarmi per la configurazione di .TRAQ. Da quello che vedo, le novità non sono poche, ma in gran parte si concentrano attorno a questa classe ed ai SettingsProvider che la supportano.

ApplicationSettingsBase in sostanza consente di esporre come istanza di una classe, una sezione del file di configurazione, trasformandone le chiavi in normali proprietà read/write. Quest'ultima affermazione fa anche comprendere che il framework 2.0 apporta una grossa novità ai file .config, ovvero la possibilità di modificarli a runtime. Ma facciamo un passo alla volta. Ecco una classe che estende ApplicationSettingsBase:

public sealed class DataProviderSettings : ApplicationSettingsBase
{
    
private static DataProviderSettings mInstance = new DataProviderSettings();

    
private DataProviderSettings()
    {}

    
public static DataProviderSettings Current
    {
        
get return mInstance; }
    }

    [ApplicationScopedSetting]
    
public string Type
    {
        
get return (string)this["Type"]; }
        
set this["Type"] = value; }
    }

    [UserScopedSetting]
    [DefaultSettingValue("10")]
    
public System.Int32 PageSize
    {
        
get return (System.Int32)this["PageSize"]; }
        
set this["PageSize"] = value; }
    }
}

In questa classe sono riassunte due delle maggiori novità che ho scovato. Innanzitutto occorre notare gli attributi ApplicationScopedSetting e UserScopedSetting, che rispettivamente consentono di dare un ambito di applicazione e di singolo utente alla proprietà. Questo significa che PageSize in particolare avrà un valore potenzialmente diverso per ogni utente dell'applicazione. La seconda novità, come anticipato poche righe fa è il metodo Save() per mezzo del quale è possibile rendere persistenti le modifiche apportate alle proprietà a runtime. PageSize, potrebbe essere una valida proprietà per memorizzare la dimensione massima di una pagina di record di una applicazione, secondo le preferenze dell'utente.

Ecco infine come deve essere realizzata la parte di configurazione in Xml:

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>
<configuration>
  <configSections>
    <sectionGroup 
        
name
="applicationSettings" 
        
type
="System.Configuration.ApplicationSettingsGroup, System, Version=2.0.3600.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=b77a5c561934e089">
      <section 
          
name
="Elite.DotTraq.ConsoleTest.DataProviderSettings" 
          
type="System.Configuration.ClientSettingsSection, System, Version=2.0.3600.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=b77a5c561934e089" /
>
    <
/
sectionGroup>
  <
/
configSections>
  <applicationSettings>
    <Elite.DotTraq.ConsoleTest.DataProviderSettings>
      <setting 
          
name
="Type" 
          
serializeAs
="String">
        <
value>System.Configuration.ClientSettingsSection, System, Version=2.0.3600.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=b77a5c561934e089</value
>
      <
/
setting>  
      <setting 
          
name
="PageSize" 
          
serializeAs
="String">
        <
value>15</value
>
      <
/
setting>  
    <
/
Elite.DotTraq.ConsoleTest.DataProviderSettings>
  <
/
applicationSettings>
<
/
configuration>

L'esplorazione è appena cominciata, infatti ancora non ho avuto occasione di sperimentare l'uso dei SettingsProvider che a quanto ho capito dovrebbero consentire la lettura/scrittura di formati diversi dal consueto xml, e permettere di adottare media più inconsueti, come ad esempio un database. Ecco che in questo caso la proprietà di cui sopra potrebbe essere addirittura letta direttamente dal profilo utente nel database... ancora non so come, ma conto di capirlo a breve.

powered by IMHO

Visual Studio 2005: Underscore in namespace

Ho fatto una breve ricerca in merito al mio precedente post ed ho trovato che già qualcuno aveva segnalato il comportamento anomalo. Il team Microsoft segnala che le versione di VS.NET successive alla BETA 1 non hanno più questo problema. Sarà meglio che mi decida a scaricare la CTP di Febbraio.

http://lab.msdn.microsoft.com/productfeedback/viewfeedback.aspx?feedbackid=a9dd17ac-10fb-4828-847a-104dcdb31872

Meno male!

powered by IMHO

 

Hip, Hip, MVP!

Ho appena scoperto che il blog degli MVP usa un controllo HIP per .TEXT made in Italy.

Indovinate quale?

Fonte: http://msmvps.com/

powered by IMHO

Visual Studio 2005: Una fastidiosa feature.

Non so quanti abbiano la mia stessa abitudine, tant'è che io, da quando uso VS.NET 2002/2003, ho adottato un modo di strutturare le mie "solutions" ormai abbastanza sperimentato e consolidato. Usando Visual Studio 2005, ho notato che l'IDE, nella Beta 1 CTP di Dicembre, usa fare delle assunzioni che mi rendono la vita abbastanza difficile se continuo a mantenere invariata la struttura.

Personalmente sono uso a denominare il progetto con lo stesso nome del namespace di base cui esso fa riferimento. Perciò, dovendo creare un assembly relativo al namespace "Elite.DotTraq.Configuration", non faccio altro che chiamare il progetto proprio così, ottenendo il beneficio che le varie cartelle di una solution sono ben ordinate e mi riconducono facilmente ai file che contengono, e che VS.NET automaticamente mi imposta il namespace di default del progetto a quello adottato come nome.

In VisualStudio 2005 le cose cambiano "sottilmente". Se si prova a chiamare un progetto "Elite.DotTraq.Configuration", la cartella ed il progetto assumeranno correttamente questo nome, mentre il namespace di base inopinatamente diverrà Elite_DotTraq_Configuration, sostituendo quindi i punti con degli underscore che creano non pochi problemi.

La cosa si risolve richiamando le proprietà del progetto e rimettendo i punti al loro posto, ma questo implica di dover cancellare la classe che viene creata di default, o tuttalpiù di correggerne il namespace.

Mi sfugge il motivo per cui il team di VS.NET abbia deciso di apportare questa modifica, devo solo rilevare che mi sembra un peggioramento. Almeno per la mia mania di ordine...forse per le persone più "normali" sarà una cosa buona.

powered by IMHO

L'utile e il dilettevole...

Credo di essere sulla via buona, stavolta, per unire l'utile ed il dilettevole. E' un piano di lavoro che ha preso forma alcuni mesi orsono quando, lo scorso Novembre, ho per la prima volta accennato alla mia volontà di impegnarmi a scrivere un "progetto web" che mi consentisse di impratichirmi con le novità del Framework 2.0 nella sua espressione peculiare del web che è l'ASP.NET.

Quell'idea è diventata, a furor di blog, il progetto .TRAQ, che pur apparentemente latitante, in questi giorni comincia a vedere le prime righe di codice, in puro ASP.NET 2.0. Letture, pensieri, e soprattutto molto ascolto ai weblog nell'ugi e un po' in giro, sono stati la mia principale attività ma in questi giorni ho avuto la conferma della possibilità di realizzare una serie di articoli su ASP.NET 2.0 su una nota rivista (non faccio nomi, ma quest'oggi qualcuno l'ha già fatto...).

Ecco quindi che l'utile sta per toccare il dilettevole, dato che lo sviluppo che sto affrontando per .TRAQ sarà senza ombra di dubbio la linea guida di questi articoli, nella speranza di poter da un lato dare una visione diversa, più pratica, di quanto il Framework 2.0 sta apportando alla programmazione in ambito web, e dall'altro perchè no, anche l'occasione di dare un po' di visibilità al progetto.

Ora quindi lo sviluppo deve diventare la parte predominante del progetto .TRAQ anche se in effetti quanto ho scritto nel documento che ho reso pubblico ancora non è esaustivo. Mi sto focalizzando per il momento su aspetti che in parte esulano dall'obbiettivo del software, come ad esempio l'autenticazione/profilazione (Membership API?) e spero al più presto di approntare un ambiente nel quale chiunque possa accedere per prendere visione dei progressi.

powered by IMHO

Un problema da risolvere

In questi giorni sto realizzando una applicazione di dataentry web, che sarà il primo step di un progettone rivolto all'archeologia. La mia applicazione si occupa di raccogliere le informazioni di migliaia (centinaia di migliaia per la precisione) di unità stratigrafiche, imputate dagli archeologi di campo che effettuano gli scavi.

Uno dei successivi step del progetto prevede di rielaborare le informazioni "spaziali" di queste unità. In particolare c'è un problemino che mi si prospetta, che deriva dal metodo di lavoro degli archeologi. Quando un archeologo rimuove una unità stratigrafica, ovvero una porzione di terra, un sasso, un reperto, etc... tipicamente rileva la sua posizione segnando alcuni punti sulla superficie dell'unità, il cui numero dipende in realtà dalle dimensioni dell'unità stessa.

Il problema è che questi "punti" stanno tutti sulla superficie "superiore" e mai su quella inferiore, come si vede dal seguente schizzo della sezione.

Lo schema è bidimensionale, ma occorre tenere presente che in realtà i punti sono sparsi in uno spazio tridimensionale.

Ora, il problema informatico è il seguente: dati i punti delle unita stratigrafiche US0, US1 e US2 ed una relazione di tipo "sta sopra", "sta sotto" che lega le unità che sono a contatto tra loro, determinare la superficie sottostante dell'unità US1 allo scopo di ottenere un volume chiuso.

Io qualche ideuzza ce l'ho, ma accetto ogni tipo di suggerimento, compreso "licenziati che fai prima".

powered by IMHO 1.2

Cena del "fu 4 Marzo": Alla settimana prossima

Dopo una rapida consultazione, abbiamo democraticamente deciso di "shiftare" (aggg... 'sto gergo informatico) la cena del blog da 4 al 11 Marzo 2005, stesso posto, stessa ora.

IMPORTANTE

Cortesemente chiederei a tutti quelli che avevano aderito di confermarmi 
la presenza e a quelli che si aggiungono di farmelo sapere al più presto 
che provvedo ad informare il ristorante...

Costata aspettami!!!

powered by IMHO 1.2

Cena di stasera: chi se la sente?

Considerato che stamattina per arrivare al lavoro mi ci è voluta una bouna ora, cioè circa il triplo del tempo, mi chiedo chi abbia ancora voglia di farsi 2/300 Km per la cena di stasera, considerato anche che probabilmente la diffusa fanghiglia si trasformerà in solido ghiaccio.

Vi prego di darmi un feedback, ma se fosse per me lo spostamento sarebbe inevitabile.

powered by IMHO 1.2

Google mi ama.

Ormai la pagina delle keywords delle statistiche mi riserva sempre più sorprese. Quest'oggi la curiosità è che chi provasse a cercare su Google.com la keyword "cucchiaio di legno", vedrà come primo risultato della lista un mio post in materia di sviluppo Agile.

Un po' mi spiace per i Vegetariani che cercano un ristorante (il "cucchiaio di legno" un libro di cucina vegetariana). Tuttavia sono lieto che Google mi ami in questo modo.

Provate anche voi:

Ma davvero Google non ha nulla di meglio da cercare?

powered by IMHO 1.2

Netscape Browser 8.0 BETA

Come dire: a volte ritornano, però questa volta sotto mentite spoglie.

Ecco cosa si legge all'inizio delle Release Notes:

The Netscape Browser, 8.0 Beta
Version 0.9.6 - based on Firefox 1.0

NOOOOOOOOOOooooooooo...

Fonte: Netscape Browser

powered by IMHO

Il team di Visual Studio 2005 ha bisogno di aiuto... accorrete!

Nel post qui quotato, il team di Visual Studio 2005 chiede aiutoper stabilire quale sia il miglior design per i tab della nuoca IDE. Mi immagino i litigi durante le riunioni che alla fine sono sfociati nella decisione di rimettersi ad un response "popolare"...

Hi everyone – The Visual Studio Design team is currently going back and forth over a few different designs for the tool window tabs in Visual Studio 2005, and we wanted to elicit feedback from the community on what all of you prefer. With the tabs in Visual Studio 2005 Beta 1 it can be difficult to determine at a glance which ones are active and which are inactive, which is how we ended up with the designs that we’re prototyping.

Fonte: Feedback Requested: Visual Studio 2005 Tab Design

powered by IMHO

Monoppix 1.0 released

John Galloway (uno dei più affezionati e attivi utenti di IMHO) informa che la versione 1.0 di Monoppix è disponibile. Maggiori informazioni sul post e sul sito http://www.monoppix.com

Monoppix is a GNU/Linux distribution which includes Mono, XSP, MySql, and Monodevelop, and runs completely off a CD. It allows you to get familiar with Mono development or test your existing .NET apps in Linux without installing anything on your computer.

Fonte: [tools] Monoppix 1.0 is out

powered by IMHO

Se continua così...

Stasera vado a casa con la slitta!

powered by IMHO 1.2

Cena del 4 Marzo: Comunicazione di servizio

A causa delle intense nevicate che stanno colpendo l'intero nord Italia, stiamo valutando l'opportunità di spostare di una settimana in avanti la cena del blog. La decisione definiticva verrà presa domattina, proprio per lasciare al sole il tempo di fare il suo lavoro.

Comunque consiglio ai potenziali commensali di tenere d'okkio il blog per comunicazioni nel merito.

Speriamo bene.

powered by IMHO 1.2

Cena del 4 Marzo: Serve una mappa?

Visto che è possibile che qualcuno ritardi l'arrivo all'appuntamento delle 20:45 presso l'uscita di Sirmione, ecco la mappa per orientarsi nel trovare il ristorante

Emanuele Del Bono valuta in 15 minuti il tempo di percorrenza dall'uscita al ristorante, ma mi raccomando comunque la puntualità, così evitate di perdervi.

powered by IMHO 1.2

IE7: Per molti ma non per tutti

Da un post sul blog di Internet Explorer si comprende con esattezza qual'è il target della nuova versione 7.0 annunciata da qualche giorno. Internet Explorer 7.0 sarà disponibile per Windows XP SP2, per la corrispondente versione a 64 bit e per la nuova SP1 di Windows 2003. Non è prevista alcun supporto per Windows 2000, nonostante siano ancora molti quelli che usano questo sistema operativo.

Interessante anche l'accenno su Outlook Express, che invece non vedrà una nuova versione almeno fino a longhorn.

Fonte: IE7 Platforms and Outlook Express

powered by IMHO 1.2

ReSharper 1.5 released

E' finalmente pubblica la nuova release di Resharper, il famoso e discusso tool della JetBrains. Io stesso, riferendomi alle prove effettuate sulla precedente vesione ne avevo sconsigliato l'uso a causa di una eccessiva fame di RAM che lo affliggeva. Ora, dovrò provarlo nuovamente per riconsiderare la mia opinione se possibile.

Fonte: ReSharper: The Most Intelligent Add-In To VisualStudio .NET
DataSheet: http://www.jetbrains.com/resharper/documentation/1.5_DataSheet.pdf

powered by IMHO 1.2

 

(a+b)+c != a+(b+c)...

Se riconsiderata alla luce dell'overflow, le espressioni nel titolo forniscono diversi risultati. Nel seguente post è spiegato perchè. Si tratta di un bell'esercizio per fare pratica con i limiti imposti dai tipi di dato.

Fonte: When (a+b)+c != a+(b+c)...

powered by IMHO 1.2

Enterprise Library Webcasts

Andrew Duthie segnala una serie di webcasts sulla Enterprise Library in lingua inglese. Me li segno che me li dovrò vedere per preparare il mio prossimo articolo.

Fonte: Enterprise Library Webcast Series

powered by IMHO 1.2

Firefox sempre più popolare, suo malgrado.

La popolarità non è gratuita si potrebbe dire. Con essa Firefox comincia a ricevere sempre più segnalazioni di nuove vulnerabilità, che stanno lentamente erodendo il mito di invincibilità che gli è stato cucito addosso.

Fonte: WindowsBeta.Net - New Firefox Vulnerability Pushes Latest Update

Io l'ho sempre detto che era troppo facile cantare vittoria prima della battaglia!

powered by IMHO 1.2

Monitor per SqlServer free

Ecco un bel tool per sistemisti offerto gratis a chi risponde a due brevi domandine.

Idera: Tools for Data Management - Products - SQLcheck

powered by IMHO 1.2

TouchGraph GoogleBrowser 1.0.1

Sfogliando un po' i post ho scoperto, una interessante applicazione che è in grado di creare una sorta di grafo dei link a partire da un indirizzo internet.

Nel seguente post Il piccolo mondo del mio blog si vede un bell'esempio, ma sul sito dell'applicazione se ne trovano molte altre: http://www.touchgraph.com/TGGoogleBrowser.html

Attenzione: richiede il runtime di Java

powered by IMHO 1.2

Cena del 4 Marzo: Ho già l'acquolina

Giusto perchè i palati fini possano cominciare a pregustare la cena, vi anticipo che la signora che mi ha risposto quando ho fatto la prenotazione mi ha elencato una serie di pietanze da acquolina.

Pollo ai ferri, Faraona, e cacciagione in genere, ma per i più esigenti si parla anche di Costata e Tagliata.

Ok, ora devo asciugare la tastiera!

powered by IMHO 1.2

Cena del 4 Marzo: Il risveglio del Veneto!

Sono lieto di poter comunicare che nelle ultime ore le adesioni sono aumentate notevolmente, tanto che debbo continuamente allargare il tavolo al ristorante.

Attualmente siamo a quota 12 con un buon contributo del Veneto, che vede schierati con me anche Andrea Dottor e Luka Minudel. Con una percentuale del 25% possiamo già paurosamente depauperare le risorse del ristorante, ma siamo in attesa di altre conferme che potrebbero fortemente minare la disponibilità di pietanze per gli altri commensali...

La sfida è aperta. Qualcuno vuole aggiungere le sue fauci all'ultimo momento?

powered by IMHO 1.2