posts - 644, comments - 1986, trackbacks - 137

My Links

News

Raffaele Rialdi website

Su questo sito si trovano i miei articoli, esempi, snippet, tools, etc.

Archives

Post Categories

Image Galleries

Blogs

Links

Raf on Channel9

Missione conclusa con successo. Ieri sera Pietro mi ha intervistato in un breve video in cui racconto la costruzione di un sensore per Windows 7 realizzato per il workshop UGIdotNET tenutosi nel pomeriggio nell'auditorium di Microsoft Italia. La registrazione del video è su Channel9.
Nel video c'è una rapida overview della costruzione del dispositivo, il firmware del microcontrollore, il device driver per Windows ed infine l'applicazione che lo utilizza.

Tutto parte da ieri durante la mia sessione "Windows 7: sensori e multitouch cambiano il modo di interagire con il PC" ho ri-mostrato il SurfRaf con nuove demo e con gli aggiornamenti di WPF 4.0 beta2.

Ma la novità era chiaramente il dispositivo USB che ho chiamato RafStorm:

IMG_2672 image

Questo dispositivo è un anemometro molto casalingo che legge (vedi cavetto) i buchi in un piattello (preso da un vecchio hard disk) con 16 buchi. Una forcella costituita da un fototransistor e un led legge la presenza/assenza dei buchi. Calcolando il numero di buchi al secondo e sapendo che ci sono 16 buchi per giro, si ricava facilmente il numero di RPM (giri al minuto).

image image

image image

La reale novità di questo dispositivo è che viene visto come "Sensore" da Windows 7 e questo implica diversi vantaggi molto importanti:

  • Più processi contemporaneamente possono usare il dispositivo senza doversi contendere il canale di comunicazione
  • Le applicazioni possono usare i nuovi dispositivi della stessa categoria senza neppure dover essere ricompilati
  • Non è ncessario usare alcuna libreria del produttore. Nulla di nulla. Le Sensor API espongono i dati con un certo formato a seconda della categoria di cui il sensore fa parte. È il driver dei sensori costruito dal produttore del sensore a dover esporre i dati in modo coerente con la categoria.
  • Security! Dal pannello di controllo gli amministratori del PC possono permettere o negare agli utenti l'uso di ogni singolo sensore. Sempre dal pannello di controllo gli utenti possono scegliere se rendere disponibile o meno i sensori alle applicazioni.

Avevo scritto l'applicazione demo in C# che usa le il wrapper per API di Windows 7 (tra cui quelle dei sensori) già lo scorso anno. Quando ho finito di costruire il device ed il suo driver, l'applicazione ha visto il mio device automaticamente.

La chiave di svolta che consente di trasformare un "normale" dispositivo in un "Windows 7 Sensor" è il driver (in modalità User Mode e perciò aprova di bluescreen) che dialoga con il dispositivo ed espone i dati alle Sensor API.

La semplificazione del modello dei sensori significa poter utilizzare i sensori anche in applicazioni in cui la sensoristica non sia lo scopo primario. Pensate ad esempio al valore aggiunto di cambiare la skin da chiara a scura leggendo la luminosità della stanza. Oppure a leggere l'apertura e chiusura cassetto per un POS.

Print | posted on Wednesday, February 3, 2010 11:38 AM |

Feedback

Gravatar

# re: Raf on Channel9

Sei il mio mito!
2/3/2010 5:58 PM | Ugo Lattanzi
Gravatar

# re: Raf on Channel9

Complimenti davvero! E grazie per la spiegazione!
2/3/2010 11:25 PM | Daniele
Gravatar

# re: Raf on Channel9

Grande Raf, grazie per la bellissima sessione! :-)
2/4/2010 6:07 AM | Francesco V. Buccoli
Gravatar

# re: Raf on Channel9

Sono veramente triste di non essere potuto venire... dopo il surfraf questo lo volevo proprio vedere :), sei mitico Raf :)

alk.
2/12/2010 5:15 PM | Gian Maria

Post Comment

Title  
Name  
Email
Url
Comment   
Please add 6 and 1 and type the answer here:

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET