[ITA] Edward Snowden: l'informatore dietro le rivelazioni sulla sorveglianza della NSA

Segue la traduzione in italiano del articolo pubblicato online dal Guardian la sera del 9 Giugno.
Essendo un argomento importante che riguarda tutti gli utenti Italiani di Internet e dei servizi internet di aziende Americane (Google, YouTube, Microsoft, Skype, Apple, Yahoo!, Facebook) lo ho tradotto.

Se puoi leggi la versione originale linkata in inglese che include anche numerosi commenti e i video.
Appena noti una pubblicazione del articolo in Italiano, segnalamela che la linko sostituendola a questa traduzione.


Edward Snowden: l'informatore dietro le rivelazioni sulla sorveglianza della NSA
Il 29enne fonte dietro la più grande fuga di notizie della storia del NSA spiega i suoi motivi, il suo futuro incerto e perché non ha mai pensato a nascondersi nell'ombra.

Glenn Greenwald, Ewen MacAskill e Laura Poitras da Hong Kong
guardian.co.uk, Sunday 9 June 2013 21.17 BST   

L'individuo responsabile di una delle più significative fuge di notizie nella storia politica Americana è Edward Snowden, un 29enne ex assistente tecnico della CIA e attualmente dipendente della Booz Allen Hamilton, azienda contractor della difesa. Showden ha lavorato alla National Security Agency durante gli ultimi quattro anni come dipendente di vari contractor esterni tra cui la Booz Allen e la Dell. 

Il Guarduan, dopo diversi giorni di interviste, sta rivelando la sua identità su sua richiesta. Dal momento in cui lui ha deciso di rivelare numerosi documenti top-secret al pubblico, lui è stato determinato a non optare di proteggersi dietro l'anonimato. "Non ho intenzione di nascondere chi sono perché so che non ho fatto niente di sbagliato" ha detto.

Snowden passerà alla storia come una delle più importanti talpe d'America, insieme a Daniel Ellsberg a Bradley Manning. Lui è responsabile di aver rivelato documenti di una delle organizzazioni più riservate al mondo - la NSA.

In una nota che accompagna la prima serie di documenti che lui ha rivelato, ha scritto: "Capisco che mi faranno soffrire per quello che ho fatto", ma "sarò soddisfatto se l'associazione di leggi segrete, di grazia iniqua e potere esecutivo incontrastabile che governano il mondo che amo saranno rivelate anche per un solo istante ".

Nonostante la sua determinazione a svelare pubblicamente la sua identità, ha più volte insistito sul fatto che lui vuole evitare i riflettori dei media. "Non voglio l'attenzione del pubblico, perché non voglio che la storia sia incentrata su di me. Voglio che sia su ciò che il governo degli Stati Uniti sta facendo."

Egli non teme le conseguenze di rivelarsi pubblicamente, ha detto, ma solo che così facendo possa distrarre l'attenzione dalle questioni sollevate dalle sue rivelazioni. "So che la media amano personalizzare i dibattiti politici, e so che il governo mi demonizzerà".

Nonostante questi timori, lui è fiducioso che il suo outing non distoglierà l'attenzione dalla sostanza delle sue rivelazioni. "Voglio davvero che l'attenzione sia su questi documenti e sul dibattito che spero ciò solleverà tra i cittadini di tutto il mondo riguardo a qual'è il tipo di mondo in cui vogliamo vivere". Ha poi aggiunto: "Il mio unico scopo è quello di informare il pubblico su quello che viene fatto in nome loro e quello che viene fatto contro di loro".

Ha avuto "una vita molto comoda" che comprendeva un salario di circa 200.000 dollari, una ragazza con cui ha condiviso una casa alle Hawaii, una carriera stabile, e una famiglia che ama. "Sono disposto a sacrificare tutto questo perché non posso in coscienza consentire al governo degli Stati Uniti di distruggere la privacy, la libertà in Internet e le libertà elementari delle persone in tutto il mondo con questo enorme macchina di sorveglianza che stanno segretamente costruendo".



'Non ho paura, perché questa è la scelta che ho fatto'


Tre settimane fa, Snowden ha fatto i preparativi finali che hanno portato alla serie di notizie da prima pagina della scorsa settimana. Presso l'ufficio della NSA alle Hawaii dove stava lavorando, ha copiato l'ultima serie di documenti che intendeva rivelare.

Ha poi avvisato il suo supervisore alla NSA che aveva bisogno di assentarsi dal lavoro per "un paio di settimane", al fine di ricevere un trattamento per l'epilessia, una condizione di cui ha scoperto di soffre lo scorso anno dopo una serie di attacchi.

Come ha fatto i bagagli, ha detto alla sua ragazza che doveva allontanarsi per un paio di settimane, anche se ha detto di essere rimasto vago sul motivo. "Questo non è un evento raro per qualcuno che ha trascorso gli ultimi dieci anni di lavoro nel mondo dell'intelligence."

Il 20 maggio, si è imbarcato su un volo per Hong Kong, dove è rimasto da allora. Lui ha scelto quella città perché "hanno un forte impegno nella difesa della libertà di parola e il diritto di dissenso politico", e perché credeva che fosse uno dei pochi luoghi al mondo che sia potrebbe e avrebbe resistito ai dettami del governo degli Stati Uniti.

Nelle tre settimane da quando è arrivato, è rimasto nascosto in una stanza d'albergo. "Ho lasciato la stanza forse un totale di tre volte durante il mio soggiorno," ha detto. Si tratta di un hotel lussuoso e, in aggiunta consuma i pasti nella sua stanza, cosi ha accumulato un conto notevole.

Egli è profondamente preoccupato di essere spiati. Lui fodera la porta della sua camera d'albergo con cuscini per prevenire le intercettazioni. Si mette un grande cappuccio rosso sopra la sua testa e il laptop quando inserisce le sue password per impedire a eventuali telecamere nascoste di individuarle.

Anche se questo può sembrare paranoia per alcuni, Snowden ha buone ragioni per aver paura. Ha lavorato nel mondo dell'intelligence degli Stati Uniti per quasi un decennio. Egli sa che la più grande e riservata organizzazione di sorveglianza in America, la NSA, insieme al governo più potente del pianeta, è in cerca di lui.

Dal momento in cui le informazioni hanno cominciarono ad emergere, ha guardato la televisione e monitorato internet, ascoltando tutte le promesse di persecuzione penale provenienti da Washington.

E conosce anche troppo bene la sofisticata tecnologia a loro disposizione e di come sia facile per loro trovarlo. La polizia della NSA e le altre forze dell'ordine hanno visitato due volte la sua casa alle Hawaii e già contattato la sua ragazza, anche se lui crede che potrebbe essere stato causato dalla sua assenza dal lavoro, e non a causa di sospetti di qualsiasi collegamento con le fughe di notizie. 

"Tutte le mie opzioni sono pessime," ha detto. Gli Stati Uniti potrebbero iniziare un procedimento di estradizione nei suoi confronti, un corso potenzialmente problematico, lungo e imprevedibile per Washington. O il governo cinese potrebbe portarlo via per interrogarlo, vedendolo come un'utile fonte di informazioni. Oppure potrebbe finire per essere catturato e impacchettato in un aereo diretto in territorio statunitense.

"Sì, potrei essere restituito dalla CIA. Potrei avere persone che mi inseguono. O uno qualunque dei partner. Lavorano a stretto contatto con un certo numero di altre nazioni. Oppure potrebbero pagare le Triadi. Uno qualunque dei loro agenti o delle loro attività", ha detto.

"Abbiamo una stazione CIA qui infondo alla strada - il consolato qui a Hong Kong - e sono certo che saranno molto occupatiper la prossima settimana. E quella è una preoccupazione con cui convivere per il resto della mia vita, per quanto lunga essa sia".

Dopo aver guardato la amministrazione Obama perseguire gli informatori a un ritmo senza precedenti nella storia, si aspetta che il governo degli Stati Uniti tenti di usare tutto il suo peso per punirlo. "Io non ho paura", ha detto con calma, "perché questa è la scelta che ho fatto".

Predice che  il governo avvierà un'indagine e "dirà che ho violato lo Espionage Act e aiutato i nostri nemici, ma quello può essere utilizzate contro chiunque punti il dito su quanto massiccio e invasivo il sistema è diventato".

L'unica volta che si è emozionato durante le molte ore di interviste è stato quando ha riflettuto sull'impatto sue scelte avrebbero avuto sulla sua famiglia, molti dei quali lavorano per il governo degli Stati Uniti. "L'unica cosa che temo sono gli effetti nocivi per la mia famiglia, che non sarò in grado di aiutare più. Questo è quello che mi tiene sveglio la notte", ha detto, con le lacrime agli occhi.

 

'Non puoi restare ad aspettare che qualcun altro agisca'


Snowden non ha sempre credere che il governo degli Stati Uniti rappresentasse una minaccia per i suoi valori politici. È xewaciuto a Elizabeth City, in Carolina del Nord. La sua famiglia si trasferì in seguito a Maryland, vicino al quartier generale della NSA a Fort Meade.

Per sua stessa ammissione, non era uno studente stellare. Al fine di avere i crediti necessari per ottenere un diploma di scuola superiore, ha frequentato un college a Maryland, studiando informatica, ma non ha mai completato i corsi. (In seguito ha ottenuto il suo diploma generico GED).

Nel 2003, si arruolò nell'esercito degli Stati Uniti e ha iniziato un programma di formazione per unirsi alle forze speciali. Invocando gli stessi principi che ora cita per giustificare le sue soffiate, ha detto: "Ho voluto combattere nella guerra in Iraq perché mi sentivo come se avessi un obbligo in quanto essere umano di aiutare le persone libere dall'oppressione".

Ha raccontato come le sue convinzioni circa lo scopo della guerra sono state rapidamente fugate. "La maggior parte delle persone che ci addestravano ci spronavano a uccidere gli arabi, non ad aiutare qualcuno", ha detto. Dopo che si è rotto entrambe le gambe in un incidente durante l'addestramento, è stato dimesso.


Dopo di che, ha ottenuto il suo primo lavoro in una struttura NSA, lavorando come guardia di sicurezza per una delle strutture segreta dell'agenzia presso l'Università del Maryland. Da lì, è andato alla CIA, dove ha lavorato sulla sicurezza IT. La sua comprensione di Internet e il suo talento per la programmazione dei computer gli ha permesso di salire abbastanza rapidamente per qualcuno che non aveva nemmeno un diploma di scuola superiore.

Per il 2007, la CIA lo collocano con copertura diplomatica a Ginevra, Svizzera. La sua responsabilità per il mantenimento della sicurezza della rete informatica lo autorizza ad avere accesso a una vasta gamma di documenti classificati.

Tale accesso, insieme ai quasi tre anni trascorsi in giro per gli ufficiali della CIA, lo ha portato a mette seriamente in discussione la correttezza di ciò che ha visto.

Ha descritto come formativa un incidente in cui sosteneva agenti della CIA stavano cercando di reclutare un banchiere svizzero per ottenere informazioni bancarie segrete. Snowden ha detto che hanno raggiunto questo obiettivo facendo volutamente ubriacare il banchiere e incoraggiandolo a guidare a casa con la sua auto. Quando il banchiere è stato arrestato per guida in stato di ebrezza, l'agente sotto copertura che cercava di fare amicizia con lui si è offerto di aiutare, e cosi si è formato un legame che ha portato al successo del reclutamento.

"Molto di ciò che ho visto a Ginevra mi ha davvero disilluso riguardo le funzioni del mio governo e quello che è il suo impatto nel mondo," dice. "Ho capito che ero parte di qualcosa che stava facendo molto più male che bene."

Ha detto che era durante il suo periodo con la CIA a Ginevra ha pensato per la prima volta di rivelare segreti governativi. Ma, al momento, ha scelto di no per due motivi.

In primo luogo, egli ha detto: "La maggior parte dei segreti della CIA ha riguardano persone, non macchine e sistemi, quindi non mi sentivo a mio agio con rivelazioni che ho pensato avrebbero potuto mettere in pericolo qualcuno". In secondo luogo, l'elezione di Barack Obama nel 2008 mi diede speranza che ci sarebbero state vere riforme, rendendo inutili le divulgazioni.

Ha lasciato la CIA nel 2009, al fine di prendere il suo primo lavoro da dipendente di un contractor  privato che lo ha assegnato ad una struttura funzionante della NSA, di stanza in una base militare in Giappone. Fu allora, ha detto, che lui "osservò Obama avanzare le stesse politiche che ho pensato avrebbe frenato", e, di conseguenza, "mi sono rotto."

La prima lezione da questa esperienza è stata che "non si può restare ad aspettare che qualcun altro agisca. Ero in cerca di leader, ma mi sono reso conto che leadership significa essere il primo ad agire."

Nel corso dei tre anni successivi, ha imparato quanto le attività di sorveglianza della NSA divorassero tutto, affermando che "sono intenti a rendere ogni conversazione e ogni forma di comportamento nel mondo cosa conosciuto a loro".

Ha descritto come una volta ha visto Internet come "l'invenzione più importante di tutta la storia umana". Da adolescente, ha trascorso giornate intere a "parlare a gente con tutti i tipi di punti di vista che non avrei mai incontrato da solo".

Ma lui credeva che valore di Internet, insieme insieme alla privacy di base, viene rapidamente distrutto dalla onnipresente sorveglianza. "Io non mi vedo come un eroe", ha detto, "perché quello che sto facendo è a mio interesse: non voglio vivere in un mondo in cui non c'è la privacy, e quindi non c'è spazio per l'esplorazione intellettuale e la creatività ".

Una volta che giunse alla conclusione che la rete di sorveglianza della NSA sarebbe presto irrevocabile, ha detto che era solo una questione di tempo prima che scegliesse di agire. "Quello che stanno facendo" pone "una minaccia esistenziale per la democrazia", ​​ha detto.

 


'Una questione di principio'


Per quanto forti quelle convinzioni sono, rimane ancora la domanda: perché l'ha fatto? Rinunciare alla propria libertà e uno stile di vita privilegiato? "Ci sono cose più importanti del denaro. Se fossi stato motivato ​​dal denaro, avrei potuto vendere questi documenti a qualunque numero di paesi e diventare molto ricco."

Per lui, si tratta di una questione di principio. "Il governo si è concesso un potere a cui non ha diritto. Non vi è alcun controllo pubblico. Il risultato è gente come me ha la latitudine di andare più in la di quanto siano autorizzati", ha detto.

La sua fedeltà alla libertà di Internet si riflette negli adesivi sul suo portatile: "Sostengo i diritti online: Electronic Frontier Foundation", recita uno. Un'altra da il benvenuto all'organizzazione che offerta l'anonimato on-line, il Tor Project.

Chiesto dai giornalisti di stabilire la sua autenticità per garantire che non fosse un millantatore, ha messo a nudo, senza esitazione, i suoi dati personali, dal suo numero di previdenza sociale al suo identificativo della CIA e il suo passaporto diplomatico scaduto. Non c'è furtività. Chiedetegli qualsiasi cosa nella sua vita personale e lui vi risponderà.

 

Lui è tranquillo, intelligente, easy-going e schivo. Un maestro dei computer, sembrava più felice quando parlava del lato tecnico della sorveglianza, ad un livello di dettaglio comprensibile probabilmente solo ai suoi compagni specialisti della comunicazione. Ma lui ha mostrato passione intensa quando si parla del valore della privacy e come sentiva venisse costantemente erosa dal comportamento dei servizi di intelligence.

Il suo modo era calmo e rilassato, ma è stato comprensibilmente nervoso da quando è andato a nascondersi, in attesa che venissimo a bussare alla porta dell'hotel. Un allarme incendio parte. "Questo non è successo prima", ha detto, tradendo ansietà chiedendosi se era reale, un test o una manovra della CIA per farlo uscire in strada.

Sparsi per il lato del suo letto sono la sua valigia, un piatto con i resti della colazione del servizio in camera, e una copia di Angler, la biografia di ex vice-presidente Dick Cheney.

Da quando le notizie della scorsa settimana hanno iniziato ad apparire sul Guardian, Snowden ha guardato attentamente la TV e leggere in internet per vedere gli effetti delle sue scelte. Sembrava soddisfatto che il dibattito che aveva voluto provocare stava finalmente avvenendo.

 

Era disteso, appoggiato contro i cuscini, guardando Wolf Blitzer della CNN chiedere durante un dibattito sull'intrusione del governo se qualcuno avesse idea di chi fosse la talpa. Da 8.000 miglia di distanza, la talpa guardava impassibile, senza nemmeno indulgere in un sorriso sarcastico.

Snowden ha detto di ammirare sia Ellsberg che Manning, ma sostiene che c'è una distinzione importante tra sé e l'esercito privato, il cui processo per coincidenza è cominciato la settimana in cui le rivelazioni di Snowden hanno cominciato a fare notizia.

"Ho valutato attentamente ogni singolo documento che ho divulgato per garantire che ciascuno fosse legittimamente nel pubblico interesse", ha detto. "Ci sono tutti i tipi di documenti che avrebbero reso un grande impatto che non ho considerato, perché danneggiare la gente non è il mio obiettivo. La trasparenza si."

Ha scelto appositamente, ha detto, di dare i documenti ai giornalisti del ​​cui giudizio si è fidato a proposito di ciò che dovrebbe essere pubblico e ciò che deve rimanere nascosto.



Per quanto riguarda il suo futuro, rimane vago. Sperava che la pubblicità che le fughe di notizie hanno generato gli avrebbero creato una certa protezione, rendendo "più difficile per loro di giocare sporco".

Egli vede come sua migliore speranza, la possibilità di asilo, con l'Islanda in cima alla sua lista - con la sua reputazione di campione della libertà di Internet. Sa che può rivelarsi un desiderio irrealizzato.

Ma dopo l'intensa polemica politica che ha già creato con raggio solo con la prima settimana di racconti, "mi sento soddisfatto che ne sia valsa la pena. Non ho rimpianti."

Print | posted @ Monday, June 10, 2013 3:35 AM

Comments have been closed on this topic.