Di .NET e di altre amenita'

agosto 2005 Entries

MSN: Arrivano i Roaming Favorites

Per chi abusa dei favorites di Internet Explorer ecco un servizio che può aiutare parecchio a non impazzire nella loro duplicazione tra il pc di casa e quello di ufficio. Si tratta di MSN Toolbar Roaming Favorites, un add-in per la MSN toolbar http://toolbar.msn.com/ 

Link: Bink.nu | MSN Toolbar Roaming Favorites First Look

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: MSN: Arrivano i Roaming Favorites

MSN: Arrivano i Roaming Favorites

Per chi abusa dei favorites di Internet Explorer ecco un servizio che può aiutare parecchio a non impazzire nella loro duplicazione tra il pc di casa e quello di ufficio. Si tratta di MSN Toolbar Roaming Favorites, un add-in per la MSN toolbar http://toolbar.msn.com/ 

Link: Bink.nu | MSN Toolbar Roaming Favorites First Look

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: MSN: Arrivano i Roaming Favorites

GotCodeSnippets.NET

Da un'idea di Michael Palermo (che sia lo stesso che Lorenzo ha temuto? credo di no...), nasce gotcodesnippets.net, come dice il nome un repository di "snippet" di codice. La release ufficiale dovrebbe essere a metà settembre.

Link: http://www.gotcodesnippets.net/

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: GotCodeSnippets.NET

E' nato CodeGallery

Su gotdotnet, è nata una nuova directory, affiancata ai già conosciuti workspaces, in cui si intende favorire lo sviluppo di progetti software. Si tratta di CodeGallery, cui si può accedere ad seguente link:

http://gotdotnet.com/codegallery/

Source: http://blogs.msdn.com/sandyk/archive/2005/08/29/457511.aspx

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: E' nato CodeGallery

WinFS in beta fra un mese

Da quello che si legge in un articolo su MicrosoftWatch sembra che al prossimo PDC che si terrà a metà settembre sarà presentata la beta di WinFS, il nuovo filesystem che originariamente doveva essere parte di longhorn.

Link: http://www.microsoft-watch.com/article2/0,2180,1853294,00.asp

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: WinFS in beta fra un mese

Che accade il 15 settembre?

C'è da chiederselo vedendo la pagina al seguente indirizzo...

http://www.start.com/developer/

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Che accade il 15 settembre?

GoogleTalk: Per chi vuole personalizzarlo

Ecco tre skin (piuttosto semplici) per GoogleTalk.

http://www.sapiensbryan.com/

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: GoogleTalk: Per chi vuole personalizzarlo

Considerazioni ad alta voce e T-Shirt ''Google Desktop Developer''

Da qualche giorno sto provando la Google Deskbar, inclusa nella nuova beta di Google Desktop e sono davvero impressionato. A dirla tutta sono affascinato da tempo dai software che il popolare motore di ricerca sta partorendo, essenzialmente per due motivi. Prima di tutto la stabilità. Nonostante si tratti di beta per la gran parte, non mi è ancora mai capitato di trovare un bug che li affligga. Tuttavia la cosa che mi sorprende di più è la leggerezza di tali software che installati nel pc non si fanno nemmeno lontanamente "sentire" sulle performance del pc. Di deskbar ad esempio ne avevo provate più di qualcuna, ed alla fine nonostante l'indubbia utilità le ho abbandonate tutte, perchè o più o meno prima o poi cominciavano a dare noia per i contnui rallentamenti al pc. La toolbar i Google invece, resiste ormai da parecchio, mostrando tonnellate di informazioni, un System Monitor aggiornato una volta al secondo, e qualche altro gadget del genere, senza peraltro mostrare segni di cedimento alcuno e con un footprint sulla memoria del sistema di tutto rispetto. Credo si a proprio il caso di complimentarsi con dei programmatori che non esiterei a definire: "con due p...e così".

Se c'è qualche temerario in giro, ho scoperto che nell'SDK del desktop search c'è una parte di esempi che riguarda la programmazione per mezzo di .NET, che consente la realizzazione di plugin per l'engine di ricerca e per la deskbar stessa. Google offre anche una T-Shirt in regalo per che realizzarà un plugin.

For a limited time: Get a T-shirt
Developers who submit plug-ins will have the opportunity to:

I dettagli qui: http://desktop.google.com/plugins?hl=en

Qualcuno vuole realizzare un plugin di Google per IMHO?

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Considerazioni ad alta voce e T-Shirt ''Google Desktop Developer''

IMHO 2.0: Un gentile omaggio da Syncfusion

Sono lieto di comunicarvi una grande notizia che mi è giunta da pochi istanti. La prossima versione di IMHO 2.0 potrà godere nientemeno che di una licenza free garantitami dalla Syncfusion sul loro prodotto Essential Suite 3.2. Per chi non conoscesse il prodotto si tratta di una bella libreria di componenti UI in versione WinForms e ASP.NET che permette una personalizzazione davvero eccellente.

Consentitemi quindi di ringraziare pubblicamente lo staff della Syncfusion per l'incondizionato supporto che ha deciso di garantire al mio software. Si apre ora una grande responsabilità per me. Spero proprio di riuscire a meritare tanta fiducia.

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: IMHO 2.0: Un gentile omaggio da Syncfusion

A proposito di Divelements

Il questi giorni nel mainfeed di UgiDotNet è apparsa una notizia davvero brutta, sottolineata con poche righe da Alessandro nel suo blog. Si tratta del cambi della politica di licensing delle libreria grafiche prodotte dalla divelements, che personalmente uso da un bel po' non essendo mai abbastanza grato all'autore del software. La licenza che dapprima era free per chi realizzava software free (e questo mi ha spinto ad usarle per IMHO), da alcuni giorni è esclusivamente a pagamento.

Una brutta notizia merita indagine, soprattutto se la libreria in questione è alla base del software freeware che da più di un anno sto sviluppando. Per questo mi sono preoccupato di scrivere a Tim Dawson per chiarire la mia posizione nei confronti della divelements nel futuro. Tim mi ha cortesemente risposto quanto segue:

1) E' assolutamente confermato il cambio di politica. Tutto va naturalmente attribuito a qualche furbastro che ha interpretato in modo "elastico" la concessione che l'autore ha fatto alla community del software libero, causando un danno all'azienda che non ha visto il necessario ritorno economico. Certo è opinabile che la nuova politica probabilmente non cambierà i furbastri, tuttavia è comprensibile la scelta che è stata fatta.

2) Scordatevi che Tim faccia qualche eccezione: con un po' di faccia tosta gli ho chiesto se mi rilasciava una autorizzazione ad usare le librerie per IMHO dato l'esplicita natura free del mio software. La risposta (come mi aspettavo) è stata "picche", anche se molto generosamente mi ha offerto un consistente sconto, che purtroppo non mi ha lo stesso consentito di provvedere all'acquisto

3) Le librerie che fossero state scaricate prima del cambio di licenza mantengono la natura di free4free. Sarà perciò possibile distribuire software gratuiti basati sulle librerie, a patto che non si ridistribuiscano le librerie acquisite con tale licenza. Questo mi aveva posto qualche perplessità, ma mi è stato confermato. In sostanza si può realizzare e distribuire un software free con le divelements, e gli assembly delle stesse possono essere distribuiti con il software, ma non si possono distribuire i file zip che sono stati scaricati (e che contengono il contratto di licenza).

Mi trovo ora a dover affrontare una difficile decisione. Lo sviluppo di IMHO 2.0 ormai era partito adottando le divelements come base per la GUI, e ormai ero quasi in procinto di rilasciare qualche screenshot di preview, tuttavia mi corre l'obbligo di valutare l'abbandono di queste librerie. In questi giorni farò qualche test sul framework 2.0 per capire se gli assembly di cui dispongo ora sono compatibili con la nuova release, e poi deciderò se mantenere questo legame, sperando magari che i contributi in denaro siano tali da consentirmi l'acquisto. (Se considerate che in un anno mi sono arrivati solamente 20$ da un solo donatore, capirete bene che questo non succederà mai...)

Voglio chiudere questo post con un consiglio che mi sento di dare a chi sviluppa software WinForms. Comprate le divelements! Sono davvero le migliori librerie che io abbia mai utilizzato (in ufficio ne uso un'altra serie e non nemmeno paragonabili). La parte migliore non è nella bellezza dei componenti, ma soprattutto nel pregio del design e nella affidabilità impressionante.

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: A proposito di Divelements

email scorretta!

Non finirò mai di stupirmi, navigando qui e li in rete di cosa vi si riesca a trovare. Come stasera, quando avendo sbagliato a digitare l'indirizzo email in una form, il sistema mi ha apostrofato con:

email scorretta!

Con tanto di punto esclamativo. Non lo avessi mai fatto... eppure la mia scorrettezza è stata semplicemente la dimenticanza di un punto. Mica occorreva prendersela in tal modo.

Ho rinunciato ad iscrivermi. Forse qualcuno dovrebbe insegnare a questi signori la differenza che corre tra scorretta ed errata.

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: email scorretta!

Content Management per Microsoft.NET: il punto della situazione

Finalmente ho avuto l'occasione di fare un po' di software selection per alcuni lavori che si preparano a partire da settembre. Sono andato alla ricerca dei migliori software di Content Management per capire un po' se qualcuno di essi può esserci utile in azienda per risolvere velocemente dei lavori. Ecco quindi la mia opinione sui nomi degni di nota:

1. Microsoft SharePoint Services/Portal

Sharepoint si suddivide in due versioni: Sharepoint Services che sono liberamente installabili su Windows 2003 Server al solo costo della licenza del Sistema Operativo e Sharepoint Portal Server i cui costi invece lievitano parecchio. Si tratta di un prodotto ben fatto e semplice da usare per l'utente finale e permette anche una buona estendibilità. Ho testato la versione Sharepoint Services che include tutto ciò che può servire per le esigenze di piccole e medie installazioni. A mio parere Sharepoint è un software che può funzionare alla grande soprattutto per installazioni intranet, mentre credo (ma posso sbagliarmi) che almeno nella versione base sia poco adatto alla creazione di portali. Quello che non ho ben capito, ma mi riservo di tornare sulla cosa non appena avrò fatto una altro po' di pratica, è quanto personalizzabile sia la grafica, che almeno nel template "Team" pare un po' statica.

2. DotNetNuke

Sono rimasto molto colpito dalle potenzialità di DotNetNuke. Abituato come sono a non avere molta fiducia di quanto sviluppato in php (ma è un mio limite), per un po' ho snobbato dnn, influenzato erroneamente dalla pseudo-omonimia con il più famoso phpnuke. Devo dire che ormai, nella versione 3 DotNetNuke pare proprio essere un software maturo, pronto per essere considerato nelle aziende per realizzare buoni prodotti. Oltre ai moduli di default ho scoperto che in rete si trovano decine di plugin, anche molto ben fatti, a dei prezzi decisamente accessibili. Infine pare che sia molto semplice personalizzarne la skin, e quindi realizzare un portale che maschera praticamente del tutto la presenza del cms.

3. Rainbow Portal

Riponevo molte speranze in Rainbow Portal, tuttavia mi sono dovuto ricredere. Per questa volta, devo dire che il software Rainbow scritto completamente in C# viene battuto ampiamente da DotNetNuke scritto invece in VB.NET a riprova che non è certo il linguaggio che fa la qualità del prodotto. In rete si trova ben poco materiale su Rainbow, sia come documentazione che come moduli plugin. Inoltre ho scoperto mio malgrado che soffre di problemi di non-scalabilità. Alla prova dei grandi numeri pare dia segni di cedimento molto in fretta, con eccezioni ripetute e cose del genere. Dico pare perchè non l'ho testato personalmente, ma ho trovato l'informazione in rete. Ad un esame piu approfondito m'è parso un po' difficile da customizzare, e la dotazione di strumenti non è nemmeno paragonabile a quella di DotNetNuke.

4. Umbraco

Umbraco è l'unico CMS puro che ho trovato per .NET. Mentre gli altri che ho finora nominato sono CMS a supporto di portali, cosa che non sempre risolve ogni esigenza, Umbraco è uno strumento di sviluppo di una potenza e semplicità sorprendenti. Intendiamoci, in umbraco non troverete webparts già pronte, o moduli forum e gallery, ma solo un potente Content Injector che mediante un meccanismo a template e markers permette di realizzare con facilità un sito completamente dinamico. Favolosa l'integrazione con XSLT che viene usato alla stregua di un linguaggio di macro, corroborato da delle librerie di metodi scritte in .NET e facilmente estensibili. Supporta anche pienamente i CSS e l'editor HTML è davvero notevole. A differenza di quello che si può pensare, nonostante l'interfaccia di gestione sia utilizzabile solo con IE 5.5 o superiori, l'output puù essere facilmente compatibile con tutti i browser esistenti. Dipende solo da come si scrivono le pagine.

5. CommunityServer - DotText

Includo anche il Community Server e DotText per allargare un po' la schiera dei CMS disponibili, ma va detto che questi ultimi sono ben lungi dal poter essere considerati degli strumenti validi per produrre reddito in un'azienda. DotText a mio parere rimane uno dei migliori engine di blogging, ma oltre non va, d'altra parte è nato proprio per questo. Community Server, invece oltre che limitato nella customizzazione è anche inutilmente pesante e macchinoso. Potete tranquillamente considerarlo un pessimo tentativo di mettere assieme un'accozzaglia di software senza provare minimamente ad integrarli. Oltretutto soffre di molti bug che ne limitano molto l'utilizzo (ad esempio provate a vedere la data dei post nel mio blog ).

Scelte aziendali

Per l'azienda in cui lavoro la scelta è stata la seguente:

1) Sharepoint per soluzioni intranet, dove la solidità e la gestione documentale è importante. Mi riservo di provare un po' più in profondità la versione Portal nella speranza possa supportarmi per soluzioni portal internet.

2) DotNetNuke per le soluzioni portal a basso costo. Sono parecchi i clienti che pur spendendo poco vogliono dei portalini completi. DotNetNuke mi pare la migliore scelta, considerato che comunque va testato su carichi di lavoro un po' più che normali.

3) Umbraco!!! Cercherò di usarlo per il maggior numero di progetti perchè mi piace davvero molto. Spero di impratichirmi un po' e farvi avere maggiori informazioni e magari qualche articoletto.

powered by IMHO 1.2

 


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Content Management per Microsoft.NET: il punto della situazione

Ask Mr. Key: Generatore di ricorrenze con iterator.

Ok. Che sto barando lo dico subito così togliamo di mezzo il problema. Questo post è un Mr. Key anche se non dovrebbe esserlo dato che l'idea non arriva dalle keyword. Purtroppo però, complice il periodo, da Google non arriva nulla di buono perciò ho deciso di dargli una "spinta" di mia iniziativa. Ho scritto perciò un breve articolo che dimostra come usare gli iterators in un caso pratico per generare le date relative a delle ricorrenze

Articolo: http://www.boschin.it/blogs/radicalmente/articles/recurrence.aspx

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Ask Mr. Key: Generatore di ricorrenze con iterator.

I webcasts senza computer...

Durante le ferie in austria ho finalmente deciso di fare un piccolo acquisto che da tempo avevo procrastinato; Ho comprato un piccolo lettore mp3. Non sono un grande ascoltatore di musica perciò era da tempo che nicchiavo nello spendere questi euro. Alla fine, complice un buon prezzo che ho considerato adeguato per un lettore senza troppe pretese con a bordo 512MB di ram ho proceduto all'acquisto, con in mente però una idea ben precisa. Avevo già letto tempo fa della possibilità di scaricare i webcasts per mezzo di nettransport, e quindi il passo successivo è stato semplice: con un piccolo programmino ho estratto l'audio dai file wmv/avi e l'ho convertito in mp3, riducendo un po' il bitrate (96k sono più che sufficienti per il parlato). Mi sono trovato così ad avere nel lettore una decina di webcasts che un po' alla volta sto ascoltando mentre lavoro. Devo ancora migliorare un po' la cosa, ad esempio dovrei suddividere i webcasts in spezzoni più brevi in modo da poter ritornare facilmente all punto cui ero arrivato con l'ascolto nel caso in cui esaurendosi la batteria il lettore perda questa informazione. Tuttavia c'è ancora un passo che devo riuscire a compiere. Ricordo che quando ho montato l'autoradio in macchina, svariati anni fa, ho notato un presa RCA "line-in". In questi giorni mi sono chiesto quanto facile sia creare un piccolo cavetto volante che mi permetta di collegare il lettore all'autoradio, concendendomi così di sfruttare produttivamente i 40 minuti di strada che ogni giorno "consumo" per guidare da casa al lavoro e viceversa.

Vi farò sapere.

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: I webcasts senza computer...

Google Moon!

Non sia mai che vi troviate dalle parti del mare della tranquillità e non riusciate a trovare un astrotel libero, ecco che GoogleMoon vi viene in aiuto con a stessa facilità di GoogleMaps.

Certo, per le ferie del prossimo anno avevo pensato di fare una puntatina al monte Olympus, dicono ci sia una bella passeggiata di 26 ore per arrivare a 25 km di altitudine. Speriamo che si impegnino... non vorrei aver bisogno di trovare una lavanderia!

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Google Moon!

Brutte notizie su IE7.

Da un post di Frans Bouma ho scoperto che Internet Explorer 7.0 nella sula prima beta non supera i test di compliancy con gli standard w3c. In realtà va detto che nessun browser supera tali test, ma di certo questa non è una scusa. Tra l'altro leggendo l'articolo pare abbastanza evidente che non ci sia l'intenzione di arrivare ad una conclusione positiva dei test di compatibilità nemmeno alla release finale. A mio parere si tratta di un'occasione da non perdere per riportare IE ad un livello superiore dei concorrenti, ma a quento pare in Microsoft non la pensano allo stesso modo.

Link: Next Explorer to fail Acid test

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Brutte notizie su IE7.

I sogni divengono realta'...

Tempo fa avevo espresso il desiderio di vedere l'unione di un servizio mappe tipo "googlemaps" o "virtualearth" con delle foto analoghe a quelle di TerraGalleria. Oggi un post di Chandu Thota mi ha svelato che qualcuno ha provato a realizzare il mio sogno.

Link:http://www.nikhilk.net/PhotoMap.aspx
Prototype: http://www.nikhilk.net/Prototypes/PhotoMap/

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: I sogni divengono realta'...

Per tutti coloro che usano i newsgroups

Grazie alla risposta di Gianluca Cannalire su una mailing list ho scoperto questa "bellissima" segnalazione nel supporto Microsoft.

http://support.microsoft.com/kb/555375

Pregasi annotare a caratteri cubitali.

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: Per tutti coloro che usano i newsgroups

MSN Virtual Earth

Ho sempre sostenuto che la concorrenza fa miracoli, ed ecco infatti che se ne stanno producendo un bel numero ultimamente. Stamane, non so se in ritardo a causa del ritorno dalla ferie ho scoperto che esiste virtualearth, il nuovo servizio clone di googlemaps prodotto da MSN. Il servizio naturalmente, come la moda di Google ha imposto è in beta, ma risponde piuttosto bene e mi sembra efficace come impostazione. Bello anche lo scratchpad, dove di possono "appuntare" i luoghi di interesse. Quest'ultima, se non erro è una feature che non è ancora presente in googlemaps, ma ovviamente fra un po' mi aspetto un allineamento/superamento da parte di quest'ultimo. Le mappe si possono vedere sia in modalità "Road Map" che "Aerial View", ovvero satellitare, tuttavia in questo googlemap è molto più efficace dato che le mappe sono più dettagliate per i luoghi esterni agli U.S.A. Infine, per tutti coloro che come me da bambini volevano fare gli astronauti, ecco una pagina, basata su virtualearth e sui dati della nasa che mostra la posizione dello shuttle aggiornata ogni 5 minuti.

Link: MSN Virtual Earth

powered by IMHO 1.2


per leggere il post originale o inviare un commento visita il seguente indirizzo: MSN Virtual Earth