Mantieni l'integrità del sistema: conclusioni






Secondo me il punto chiave del sesto principo del  Lean Software Development è che per relizzare prodotti software di successo nel tempo serve l'equilibrio tra agire localmente (quando l'utente usa una funzione, fa una richiesta, definisce le priorità e quando il programmatore scrive un test, fa un refactoring, rilacia una funzionalità, fa un test di accettazione) e pensare globalmente (quando si guarda all'intero dominio applicativo, alla evoluzione del prodotto, alla soddisfazione degli utenti, alla economicità delle soluzioni, alla efficenza degli sviluppi, a che direzione strategica prendere)






Come ci si sente con un prodotto eterogeneo, parziale, bacato ?       per esempio l'utente si sente confuso sorpreso da modi nuovi e diversi di fare cose che per lui sono simili, incerto su quello che si può aspettare da una sua richiesta, perseguitato da funzioni incomplete e mancanti  -   il programmatore si sente a suo agio in certe parti del sistema e spaesato in altre, disperato all'idea di toccare certi programmi o certe classi, intimorito da troppe tecnologie differenti usate per fare cose simili in momenti diversi


Come ci si sente con un prodotto uniforme, consistente, semplice e intuitivo  ?       per esempio l'utente si sente di riuscire a usare le funzioni del sistema nel modo giusto per fare il suo lavoro anche quelle che non conosce e quelle nuove,  confidente che le rischiete che fa vengono capite e una volta realizzate lo aiuteranno nel suo lavoro più di quanto sono costate
-   il programmatore si sente sicuro di fare stime e previsioni, capace di risolvere bug e malfunzionamento con successo, confidente di intervenire su diverse parti del sistema con successo, guidato dalla uniformità del problema e da scelte comuni note e condivise







Tags :   |  |  |

Print | posted @ Tuesday, February 3, 2009 8:50 PM

Comments have been closed on this topic.