Around and About .NET World

Il blog di Marco Minerva
posts - 1671, comments - 2232, trackbacks - 2135

My Links

News

Contattami su Live Messenger:


MCTS: Windows, Web, Distributed Applications & SQL Server

MCPD: Enterprise Applications

Tag Cloud

Archives

Post Categories

Links

[70-536] Stringhe più sicure

Tra  le numerosissime classi che ho studiato preparando l'esame 70-536, una mi sta tornando particolarmente utile in questi giorni: SecureString. Si tratta di un contenitore "sicuro" per dati sensibili, come password, numeri di carte di credito, ecc. Sicuro perché il contenuto di un oggetto SecureString è mantenuto in memoria criptato e viene decifrato solo quando si tenta di accedere al suo valore. Inoltre, esso implementa l'interfaccia IDisposable: quando si richiama il metodo Dispose, la zona di memoria che contiene la stringa viene sovrascritta più volte con una sequenza di zeri.

In questo post sono disponibili maggiori dettagli sulla classe SecureString.

Technorati Tags: , ,

Print | posted on lunedì 23 luglio 2007 0.19 | Filed Under [ Certificazioni ]

Feedback

Gravatar

# Re: [70-536] Stringhe più sicure

la cercavo invano nel mio progetto per il Compact Framework: non c'è. E non c'è nemmeno per il FW 2.0, perchè è una di quelle classi nuove aggiunte nel FW 3.0.
23/07/2007 10.51 | Igor Damiani
Gravatar

# re: [70-536] Stringhe più sicure

Come no... MSDN dice che questa classe è presente nelle versioni 2.0 e 3.0 del .NET Framework: http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/system.security.securestring.aspx. E la cosa è confermata anche dal fatto che di essa si parla nel libro di preparazione ad un esame sul .NET Framework 2.0
23/07/2007 10.56 | Marco Minerva
Gravatar

# Re: [70-536] Stringhe più sicure

bravo Marco, hai ragione tu.
Mi sono lasciato trarre in inganno dal link che hai messo, perchè punta alla classe SecureString del FW 3.0. E nel progetto su cui sto lavorando non compare, ma io ho a che fare con il Compact Framework.
23/07/2007 11.04 | Igor Damiani
Comments have been closed on this topic.

Powered by: