Delirio TIM

Desidero raccontarvi la mia esperienza con TIM Vision (e che venga indicizzato il mio articolo).

Fine 2015

La TIM mi contatta avvisandomi che la mia offerta ALICE Home TV non esiste più e che mi cambiano il decoder sostituendolo con TIM Vision che mi verrà inviato entro fine anno. Dato che non sono in casa, preoccupato, chiamo per variare l'indirizzo di consegna: troppo tardi, la prima consegna è già andata. Chiedo anche che non ci siano costi aggiuntivi in bolletta: me lo assicurano.
Sapendo come funzionano le cose, richiamo a distanza di poco tempo e mi riconfermano che pagherò sempre lo stesso importo.

Inizio 2016
Arriva il decoder, lo ritiro, lo installo e chiamo la TIM per avere conferma che non ci siano costi aggiuntivi: confermano.

27/01/2016

Arriva una mail dove si avverte che TIM Vision è attivo e pagherò 5 euro al mese. Fantastico! Io guardo poco la TV e utilizzo Tim Vision solo come decoder del digitale terrestre avendo una vecchia TV.

Prima telefonata
Risponde un'operatrice, verifica e mi avvisa che se non voglio pagare i 5 euro devo rispedire il decoder a Roma a mie spese e poi richiamarli per avvisarli. Le spiego in tutti i modi che mi avevano assicurato che non c'erano costi aggiuntivi. Non mi propone altre risposte.

Seconda telefonata
L'operatrice mi conferma che devo restituire il decoder e mi apre la pratica per la restituzione. Mi informo su internet e vedo che molti dicono di non ritirare il decoder.

Terza telefonata
Cade la linea

Quarta telefonata
Cade la linea

Quinta telefonata
Un operatore mi avvisa che hanno problemi sulle linee e che non mi potrà aiutare se non per domande generiche. Chiedo se posso restituire il decoder in un centro TIM, mi risponde negativamente ma mi prospetta l'ipotesi della sospensione temporanea del servizio

Recupero la mail e mi leggo tutto il contratto. Verifico che al punto 6 parla di sospensione temporanea priva di durata per un massimo di 3 volte l'anno. In questo modo il decoder non deve essere rispedito e il servizio non viene fatturato. Verifico anche che è possibile interrompere il servizio e comprarsi il decoder.

Sesta telefonata
L'operatore mi nega la possibilità di sospensione temporanea o di acquisto del decoder e apre un reclamo.

Settima telefonata
L'operatore dice di non saperne nulla ma mi avvisa che sarò contattato da un commerciale entro 48 ore. Mi fornisce anche il numero di una fantomatica amministrazione con determinati orari che risultano poi errati.

28/01/2016
Ottava telefonata
Provo ad anticipare i tempi anche perché ho paura che una cessazione mi obblighi ad acquistare il decoder. L'operatrice IN MENO DI UN MINUTO CON UN CLICK cambia la cessazione in sospensione: INCREDIBILE! Dovrò pagare i 5 euro del primo mese ma, a questo punto, non fa niente.

La sera vengo contattato per la pratica di cessazione, spiego che volevo una sospensione, l'operatrice annulla la cessazione.

A questo punto mi viene il dubbio che l'annullamento si ripercuota sulla sospensione

29/01/2016

Nona telefonata
L'operatore (davvero ignorante) dice che non c'è possibilità di sospensione né di vendita, che si paga il decoder e non il servizio e che l'operazione di cessazione è in corso. Inoltre c'è un reclamo dove io richiedo la cessazione. Litigo, minaccio di denunciarlo e riattacco. Questa persona si è dimostrata altamente incompetente anche perché ormai sono diventato esperto del contratto TIM Vision

Decima telefonata
Chiedo all'operatore di chiudere il reclamo. In realtà lo aggiorna solamente scrivendo che io chiedo una sospensione e non una cessazione. Mi conferma che la pratica di cessazione è in corso, chiedendomi di telefonare tra qualche giorno.

30/01/2016
Undicesima telefonata
L'operatrice, molto maleducata, mi risponde che nel weekend il numero per il Tim Vision è 800187800. Questa cosa è incredibile ma probabilmente ha ragione lei... solo che rispondermi in quella maniera solo perchè le ho fatto ripetere due volte la risposta...

Dodicesima telefonata
Chiamo 800187800 e l'operatrice mi avvisa della presenza di due pratiche: una di recesso e una di sospensione entrambe in lavorazione. Richiamare lunedi.

Continua...

Technorati tags: ,

Buoni pasto dal 1 Luglio

Ragazzi bisogna diffondere la notizia. La soglia di esenzione fiscale dei ticket restaurant riconosciuti portando il limite di non imponibilità fiscale a euro 7,00 per quelli utilizzati in forma elettronica. Rimane invece invariata la disciplina per i buoni basto cartacei restando fissa a euro 5,29. Il nuovo dettato normativo avrà effetto a decorrere dal 1 luglio 2015. Da oggi, 1 luglio, non sarà più possibile fare la spesa al supermercato utilizzando contemporaneamente più buoni pasto, forniti dal datore di lavoro. MA COME??!?!?!? E I TICKET VECCHI!!!!?!?!? Inoltre l’uso dei ticket, che può riguardare solo le somministrazioni di alimenti e bevande, può avvenire solo durante la giornata lavorativa, anche se domenicale o festiva e i beneficiari non possono essere soggetti diversi dai lavoratori, per cui il buono non può essere ceduto, venduto, né convertito in denaro. Ma soprattutto non può essere cumulato. Ma chi ha deciso la non cumulabilità, la non spendibilità di domenica, uno al giorno? Paperino?

Notifica al garante per la legge sui Cookie

In caso di utilizzo di cookie di profilazione di prime parti, cioè ad opera del sito stesso, vi è un obbligo di notifica al Garante, ai sensi dell'art.37 comma 1, lett (d) del Codice della Privacy.
La notifica va effettuata per via telematica.
ogni notificazione inviata al Garante (prima notificazione, 
modifica o cessazione del trattamento) deve essere
accompagnata dal pagamento dei diritti di segreteria,
il cui importo è fissato in euro 150,00.
 In caso di cookie di profilazione di terze parti non sarà necessario provvedere alla notificazione, dato che le modalità e le finalità del trattamento perseguite non rientrano nel controllo di quest’ultimo. Unica eccezione il caso in cui il medesimo soggetto possa effettivamente accedere ai dati raccolti in forma disaggregata dai cookie.
Technorati tags: ,

ASP.NET Identity 2.1

Non nego che sia una bella novità del mondo .net ma la mancanza di informazioni al riguardo è molto alta. Ho impiegato 3 giorni per riuscire ad utilizzarla tra l'altro in un modo molto base. Con il progetto web di default si include già troppo codice che poi va commentato o scommentato. Tutti i messaggi di errore sono hard coded e non sono localizzati... Ho dovuto scaricare da nuget i samples per capire cosa non andava nel mio progetto. Gli stessi samples non funzionano se portati all'interno di un proprio progetto: usermanager e rolemanager nell'initializer vanno recuperati direttamente dallo store invece che dall'owin context. Inoltre non è molto chiaro che non posso creare un mio context ma devo utilizzare l'applicationdbcontext già presente... La ciliegina sulla torta? User.IsInRole(...) che restituisce sempre false. Ma per risolvere questo non vi fornirò alcuna soluzione qui. Inutile provare le soluzioni del lazyloading, spostare codice dal global.asax, commentare i dispose (che nei samples non ci sono), abilitare o disabilita il rolemanager nel web.config, cambiare l'entity framework default factory... vi posso solo dire che centra con il voler rinominare le tabelle relative al login ;)

Sitefinity CMS

In questo periodo sto lavorando con Sitefinity (Professional License). Per ora posso dire che è un buon prodotto (a pagamento) della Telerik che offre un buon supporto. La stessa Telerik mi ha fatto scoprire anche Jing, ottimo software per creare screenshot e screencast.

Technorati tags: ,

Ancora Trenitalia!

E' impossibile fare un biglietto online perché nella schermata finale prima di pagare richiede un campo email obbligatorio ma il campo è disabilitato! Ho fatto la prova con vari browser senza successo e anche abilitando il campo con vari strumenti da developer tra cui firebug. L'unico modo è acquistare senza effettuare il login. Una vergogna! EDIT: dato che non mi arrendo facilmente, ho scoperto l'arcano. Probabilmente sono state fatte (male) delle migrazioni. Avevo già notato che in altre pagine mi appariva "email: ________" e il campo non era compilato. Anche chiedendo supporto il sistema andava in errore. Sono rientrato nel mio profilo, nella colonna di destra "Modifica Dati", nell'accordion aprire "Per Contattarti", modificare solo il campo email e salvare (mi raccomando: non modificate entrambi i campi email ma solo il primo). In questo modo la mail viene aggiornata e visualizzata correttamente in tutte le pagine e si può effettuare l'acquisto.