Technology Experience

Contenuti gestiti da Igor Damiani
posts - 949, comments - 2741, trackbacks - 15120

My Links

News

  • Questo blog si propone di raccogliere riflessioni, teoriche e pratiche, su tutto quello che riguarda il world-computing che mi sta attorno: programmazione in .NET, software attuale e futuro, notizie provenienti dal web, tecnologia in generale, open-source.

    L'idea è quella di lasciare una sorta di patrimonio personale, una raccolta di idee che un giorno potrebbe farmi sorridere, al pensiero di dov'ero e cosa stavo facendo.

    10/05/2005,
    Milano

Archives

Post Categories

Generale

Un altro episodio della serie X-Com

Nel 1994 la Microprose fece uscire uno dei videogame che mi sono piaciuti di più in assoluto: X-Com Enemy Unknown. E' uno di quei giochi che oggi credo facciano sorridere. Oggi siamo abituati a giochi di strategia in tempo reale, mentre il primo X-Com (e quelli successivi della saga) era a turni. Ma, ragazzi miei, se non avete mai giocato ad X-Com, non sapete davvero cos'è un ottimo gioco. :-)

Il tutto prendeva il via il 1 Gennaio 1999, con incursioni sempre più frequenti un po' in tutto il mondo da parte di alieni non meglio identificati. I diversi governi del mondo istituirono una task-force, chiamata per l'appunto X-Com, che aveva il compito di indagare, bloccare, combattere questi alieni. Il gioco era molto strategico: bisognava costruire basi nei posti giusti, comprare armamenti, sviluppare nuove tecnologie, effettuare ricerche, andare in missione a seconda di dove sbucavano fuori gli alieni. Si cominciava con la tecnologia tradizionale terrestre (armi da fuoco, caccia all'inseguimento di UFO, giubbotti anti-proiettile classici), ma durante le missioni si raccoglievano armi e dispositivi alieni, grazie ai quali si poteva migliorare il nostro equipaggimento. La schermata che ci informava del completamento di una ricerca rimarrà sempre nel mio cuore!: era una gioia davvero, perchè si allocavano un certo numeri di scienziati per studiare un determinato argomento (più era alto il numero di scienziati, minore era il tempo richiesto) e quando si arrivava alla fine, si correva subito a leggere la Ufopaedia per leggere il risultato. Questo sbloccava la costruzione di nuove tecnologie per i caccia, per le armi, nuovi dispositivi e così via...Man mano che il gioco progrediva, si era quindi sempre più efficaci, si catturavano alieni, li si interrogava e via così...fino alla missione finale su Marte.

Il gioco, credetemi, era favoloso sotto ogni punto di vista, perchè bisognava tenere sotto controllo tutto: dalle dimensioni della base, al numero degli scienziati e degli ingegneri occupati, l'inventario, la salute dei soldati, e così via. Ritengo che il primo X-Com fosse il gioco giusto al momento giusto: quelli erano gli anni di X-Files, ci avvicinavamo al 2000 e quindi c'era quell'atmosfera un po' strana da fine millennio. Oggi le cose sono un po' diverse, i giocatori di strategia pretendono (forse) di più.

Del primo X-Com sono usciti anche dei seguiti: a qualcuno di questi ho giocato, ad altri no. Il gameplay è fortunatamente rimasto sempre lo stesso: basi, missioni a turni, equipaggiamento, ricerche e tecnologia. Questa mattina è stato rilasciato UFO Afterlight, nuovo episodio della saga, completamente ambientato su Marte. Il gioco per adesso è venduto esclusivamente on-line da Sprocket Games ed è disponibile nella sola lingua inglese. Il costo è di Euro 29,30.

Print | posted on Monday, February 26, 2007 12:39 PM | Filed Under [ Videogame ]

Feedback

Gravatar

# Re: Un altro episodio della serie X-Com

l'ho giusto acquistato oggi. Il download è già terminato. Magari tra un paio di gg ti faccio sapere.
:-)
2/26/2007 6:05 PM | Igor Damiani
Comments have been closed on this topic.

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET