Blog Stats
  • Posts - 18
  • Articles - 0
  • Comments - 292
  • Trackbacks - 93

 

October 2003 Blog Posts

PDC: Indigo finalmente ho visto del codice!

Ho seguito l'ultimissima presentazione su Indigo a cura di Steve Swartz Product Architect di Indigo. Lo speaker ha mostrato i vari aspetti dell'architettura Indigo che, come gia' detto, e' un ponte tra il mondo object oriented e quello service-oriented. L'intero (sub)framework consente uno sviluppo veloce di applicazioni  che scambino messaggi in modo indipendente dal canale, dalla formattazione messaggio, dal protocollo... da tutto insomma. L'impressione e' che il lavoraccio sia un opera ciclopica. I concetti fondamentali da acquisire sono veramente molti e gli entry point per poter estendere e affinare il comportamento di Indigo nelle proprie applicazioni sono veramente moltissimi. E' stato mostrato come sia possibile, ad...

Indigo & Server Control Adapters: un'introduzione su MSDN

Segnalo un articolo introduttivo su Indigo di Don Box e un articolo introduttivo sugli Adapters dei nuovi server control di Vandana Datye

PDC: C# 2 & Anders Heiljsberg

Interessantissima la presentazione di Anders Heiljsberg, papa' di Delphi e C# sulle nuove estensioni di C#. Molti ne avranno gia' parlato e si trova molta documentazione sulla rete per cui non mi voglio dilungare. Devo dire che mi ha fortemente entusiasmato il supporto ai generics, che mi ha meravigliato la presenta della parola chiave yield. La parola chiave yield (da quanto ho capito) associata ad un return (yield return)consente ad una funzione di uscire come un normale return, ma di rientrare ad una successiva chiamata all'istruzione successiva allo yield. Tale costrutto consente di costruire le cosidette coroutines. Se applicato agli iteratori consente...

PDC: Indigo & Don Box

Ho seguito ben due sessioni di Don Box su Indigo. Indigo e' il framework che astrae su .NET l'intera visione di progettazione service-oriented. La visione di Don Box (e di MS) e' quella di un futuro in cui la progettazione di applicazioni non sara' centrata su un modello object oriented distribuito ma su un modello service-oriented centrato sullo scambio di messaggi. La singola applicazione dovra' essere costruita (ovviamente) secondo i canoni OO, ma la struttura globale della rete distribuita dovra' essere fondata su uno scambio continuo di messaggi. Indigo astrae tutto questo fornendo un framework unico per lo scambio di messaggi. Indipendentemente dal...

PDC: Indigo & Next Generation Web Service

Ieri ho assistito alla conferenza del program manager dei protocolli dei web service. E' stata presentata la prima applicazione funzionante completa di gestione della sicurezza, trust federato e supporto transazionale interamente su SOAP. L'applicazione lavorava su una rete reale di server di Microsoft e IBM che si scambiavano solamente messaggi SOAP. Veniva simulato uno scenario di acquisto B2B che comportava controlli sulle scorte di magazzino e cosi' via. La richiesta d'acquisto veniva fatta da un dipendente di una ditta A verso una ditta B. L'utente era autenticato solamente sulla prima. Il presentatore ha avviato uno sniffer dei messaggi SOAP, ha richiesto una...

Server control - Opera divina

Ho assistito alla presentazione dei nuovi server control. Innovazioni a dir poco eccezionali. Ve le elenco. Immagini, file .js e qualunque altra risorsa vengono salvati in un file di risorse e richiamate dall'html generato tramite un'unica pagina di entry point: WebResource.axd con parametri in querystring Implementazione nativa di callback asincroni. Il javascript puo' richiamare la pagina originale in background per farsi passare nuovi dati. La pagina per l'occasione esegue un ciclo di vita diverso. Nell'esempio si mostrava un editor che eseguiva una sorta di controllo ortografico (fatto dal server) durante la digitazione. Aggiunto un controlstate (oltre al viewstate) che consente di salvare durante...

ObjectSpaces - copia di Java Hibernate

E' appena conclusa la conferenza su objectspaces. ObjectSpaces e' il layer di persistenza di .NET 2 che permette il mapping di oggetti in database relazionali. Per quel che ho potuto vedere nella presentazione e' una copia (incompleta) del potente framework di persistenza opensource Hibernate di java. Stessi pattern, stessa sintassi, stessi problemi. Approfondiro' una volta installato Whidbey su una mia macchina, ma l'impressione di una "copiatura profonda" e' forte. Sono molto curioso di vedere... Nota dolente: la versione 1 supportera' solo i database di famiglia SQL Server. Hibernate supporta 15 diversi db. :(

Yukon & XML

Ho assistito alla presentazione del supporto XML di Yukon il nuovo SQL Server. In una parola: ECCEZIONALE. E' possibile memorizzare in una colonna dei valori XML. Detta così sembra poco, in realtà Yukon riesce poi a risolvere qualunque tipo di XQuery, anche incastonata dentro ad una istruzione SQL, su quella colonna. E' possibile anche associare uno schema XSD alla colonna. In tal caso Yukon esegue una validazione di ogni dato inserito. E' supportato pure il  FULLTEXT search sui campi XML (che per l'occasione Yukon indicizza senza tag), nonchè ovviamente indicizzazioni dei campi XML. L'optimizer del motore di querying include sia l'ottimizzazione SQL...

PDC day one: Indigo

Divertentissima e molto chiara la conferenza di Don Box su Indigo. Indigo e' l'implementazione di Microsoft dell'architettura GXA. In sostanza e' il framework che permettera' alle applicazioni .NET di esporre e consumare Web Service di nuova generazione integrando nativamente i vecchi servizi enterprise come MSMQ. Don Box chiarisce costantemente la differenza tra mondo object oriented e mondo service oriented. Indigo e' il ponte tra questi due mondi: un framework ad oggetti che esporra' e gestira' il mondo service-oriented e messaged based basato su SOAP dei web service. Nei prossimi giorni seguire tutte e 3 le conferenze di approfondimento su Indigo. Stay tuned!

PDC day one: ASP.NET 2

ASP.NET 2 (accoppiato a Visual Studio Whidbey) presenta senzadubbio notevoli migliorie rispetto al "vecchio" ASP.NET. Una su tutte l'eredita' visuale nativa. Se devo essere sincero l'intera presentazione di Scott non mi ha particolarmente entusiasmato. Un'intero portale e' stato costruito in mezz'ora con 5 righe di codice e tanti click, ma non mi e' sembrato di sostanziose novita' strutturali su ASP.NET. Sono stati aggiunt e molte cose. Tra quelle che ricordo un set di Application Block basati su interfacce dedicati alla gestione dei ruoli, degli utenti, delle personalizzazioni; molti nuovi controlli (piu' di 40) e la preannunciata invalidazione della cache legabile ad una tabella del db. Anche...

PDC day one: WinFS

WinFS e' un servizio di Longhorn costruito interamente sopra il filesystem NTFS, direttamente usabile dalle future (e dicono pure le attuali) applicazioni Windows. WinFS altro non e' che un database Yukon che lavora sopra il classico filesystem di windows per rimappare in modo dinamico e trasparente la struttura a directory classica. Con WinFS perde di significato la classica metodologia di organizzazione a cartelle cui tutti siamo abitutati. In effetti ogni file viene categorizzato da WinFS in funzione dei propri attributi, del proprio schema esposto al sistema operativo e delle relazioni con altri file o utenti. Tutte le classiche query di raggruppamente e di...

PDC day one - Longhorn

In questo momento, sessioni BoF a parte, si e' concluso il primo giorno del PDC 2003 di Los Angeles. Oggi e' stata, in buona sostanza, una giornata introduttiva alle principali novita' che nei prossimi giorni si andranno ad approfondire riassumendo: Longhorn, WinFS, Avalon, Whidbey+ASP.NET 2 e Indigo. Yukon andro' a vederlo domani. Longhorn e' stato presentato soprattutto sotto l'aspetto della sua interfaccia grafica e della sua interazione col servizio WinFS e in parte con l'implementazione interna di Indigo. La GUI di Longhorn e' interamente vettoriale e la composizione dei singoli oggetti del desktop viene interamente delegata al sottosistema grafico gestito tramite DirectX (se...

Secondo me, questo è un problema di .NET

Qualche settimana fa stavo sviluppando una applicazione ASP.NET che doveva generare e spedire ad una certa ora del giorno un bel mucchietto di e-mail. Considerando il sito mediamente trafficato, non ho imposto alcun timer e ho pensato di fare un controllo al session_start sull'ora attuale. Qualora il momento X fosse già passato avrei attivato un funzioncina per l'inoltro di massa. Il dubbio mi venne quando incominciai a considerare se mi conveniva creare un thread a bassa priorità e far girare il metodo lì dentro o lanciare una più elegante chiamata asincrona. Le chiamate asincrone però, sotto sotto, vengono gestite da .NET come delle...

Libreria per la generazione di SVG

Segnalo questa libreria opensource per la generazione di SVG: http://www.riskcare.net/SvgNet/ SVG è un dialetto XML per la generazione di grafica e animazione vettoriale. Qualitativametne si riesce ad ottenere qualcosa di simile a Flash, ma interamente in forma XML aperta. SVG è standard del W3C, vedi qui. Il bello è che se avete il popolare Acrobat Reader, manco lo sapete ma, il viewer SVG ce l'avete già. Lo usai un annetto fa per realizzare dei grafici animati complicati per una applicazione industriale e devo dire che SVG è di una semplicità e potenza eccezionale. Il mio sogno è di vedere un framework per pagine aspx/SVG (già che ci...

Il singleton.... questo incompreso.

Sui pattern ormai s'è detto e ridetto di tutto, tanto più su quelli famosi come il singleton. Nonostante ciò, mi capita spesso di incontrarne implementazioni opinabili. Butto giù due righe su quanto di meglio, per quel che so, si può fare nell'implementare il singleton. Iniziamo dal classico problema: ho una windows form (diciamo class MyForm) che deve esistere solamente come singola istanza. Vorrei un metodo statico per crearla. Ossia mi piacerebbe poter scrivere: MyForm.Instance.Show(), per aprirla e ogni altra chiamata a MyForm.Instance dovrebbe ritornarmi un riferimento sempre alla medesima form. La prima implementazione che un comune mortale osa immaginare è la classica descritta...

 

 

Copyright © Federico Dal Maso