Lettori ad inchiostro elettronico (e-ink): situazione in Italia

Parlando con gli altri alla cena post-workshop, diversi non sapevano della possibilità di poter acquistare anche in Italia dei lettori che usano la tecnologia e-ink, per capirci quella che permette di leggere su dispositivi che non affaticano la vista, a differenza dei computer, in quanto non dotati di luce propria, e che consumano energia solamente in operazioni come il cambio delle pagine, quando l'inchiostro elettronico va ad assumere le forme del contenuto.

Benché si tratti praticamente di pubblicità (cosa che potrebbe non essere il massimo su un blog...anche perchè non ci prendo un soldo :P), spero di fare un servizio utile a fornire qualche link, vista la mole di libri e articoli che leggiamo in genere noi programmatori (e soprattutto il numero di pagine che normalmente li compongono!).

Sono stati realizzati diversi dispositivi e-ink (qui una lista), ma l'unico che credo sia acquistabile in Europa è l 'iLiad, prodotto dalla iRex, una ditta collegata a Philips.
Date le sue caratteristiche, l'iLiad è il migliore tra i device finora in commercio: oltre alla risoluzione più elevata (768 x 1024 pixel) e le tonalità di grigi a 16 livelli (purtroppo non ci sono ancora schermi a colori, ma gli altri dispositivi hanno tonalità a meno livelli), è dotato anche di wifi e della possibilità di usarlo come notepad, scrivendo direttamente con un pennino. Tra i formati che legge ci sono pdf e html (per cui un chm deve essere convertito...fortunatamente ci sono dei software per farlo, ma una gestione diretta da parte del dispositivo di sicuro migliorerebbe l'usabilità).

Da diverso tempo l'iLiad può essere acquistato dal sito del suo produttore (come ha fatto il nostro Marco Abis, che usandolo di sicuro potrà dare qualche impressione in più), e da poche settimane Antonio Tombolini, noto tra gli informatici per alcune iniziative come la fondazione di Esperya, o di iniziative di marketing come il Pesto al Blogger, ha avviato una libreria online, la Simplicissimus Book Farm, che permette di acquistare sia l'iLiad che libri già in formato PDF adattato per il suo schermo.

Oltre al discorso del prezzo dell'iLiad, che si aggira sui 650 euro (che possono essere tanti per certi aspetti, ma bisogna pur considerare il fatto che si tratta di tecnologie nuove, non ancora diffuse sul mercato, come possono essere pochi se si pensa ai risparmi che si potrebbero avere tra le spese di stampa del libro e di spedizione, nonchè alla praticità dello strumento), giustamente Janky diceva che sarebbe bello avere la possibilità di toccare con mano uno strumento del genere prima di acquistarlo.
Putroppo attualmente non credo sia possibile farlo (se non conoscendo qualcuno che già lo possiede), visto che si può acquistare solamente online; seguendo il blog di Antonio Tombolini, nelle loro intenzioni c'è di distribuire questi dispositivi anche in luoghi come centri commerciali e librerie, ma se e quando verrà avviata questa iniziativa non he ho idea...di sicuro sarebbe un modo molto più efficiente per vendere dispositivi così innovativi, che la gente giustamente vuole toccare con mano prima di investirci cifre non proprio indifferenti.

In occasione del MarCamp, ho avuto modo di 'giocare' per un po' con l'iLiad di Antonio, tanto che ne parlai anche nel resoconto della giornata. Il dispositivo sembra molto piccolo e leggero (soprattutto se paragonato con i tomi a cui siamo abituati), è molto sottile ed ha una struttura rigida (non si tratta di quelli che si possono piegare).
L'unico punto che mi hanno lasciato un po' perplesso riguardo al suo utilizzo è la dimensione dello schermo (più o meno corrisponde a metà A4), che ti costringe a leggere documenti in formato A4 o tramite la funzione zoom, o più semplicemente girando il dispositivo in posizione orizzontale, facendo lo scrolling della pagina. Purtroppo non ci sono ancora dispositivi in commercio con schermi di dimensioni A4, per cui occorre adattarsi (in compenso, il dispositivo risulta così più piccolo e maneggevole).

Un altro test non andato proprio a buon fine in quei pochi minuti che ho avuto a disposizione è stata la lettura di un PDF (si trattava della Windows Vista Product Guide, convertita in PDF): non so se a causa del font particolare con cui era scritta, ma i caratteri non venivano praticamente riconosciuti, quindi anche in questo caso può essere necessaria qualche operazione di conversione prima di poter leggere il libro.

Per concludere, un video di Antonio Tombolini che illustra la loro iniziativa e spiega in termini semplici cos'è l'e-ink e quali sono i suoi vantaggi (su youtube si possono trovare diversi video su iLiad e altri dispositivi), e la notizia della sperimentazione in Olanda (dove viene prodotto l'iLiad) del suo utilizzo nelle scuole (con una bella immagine della differenza tra uno studente classico ed uno iLiad powered).

posted @ Saturday, July 7, 2007 3:53 PM

Print

Comments on this entry:

# re: Lettori ad inchiostro elettronico (e-ink): situazione in Italia

Left by Marco Abis at 7/8/2007 1:54 PM
Gravatar
Ho avuto l'iLiad per quasi un anno e poi l'ho rivenduto perche' non sono riusciti a mantenere le promesse e hanno fatto qualche errore di design hardware ma hanno aspettato un anno prima di ammetterlo continuando a promettere di mese in mese aggiornamenti sostanziali.

Il prodotto rimane comunque spanne sopra la concorrenza (anche nel prezzo) ma, ad esempio, non e' possibile mettere il dispositivo in stand-by quindi ogni volta devi accenderlo e spegnerlo (il boot e' attorno ai 30 secondi) e, sempre per scelte hardware sbagliate, non puo' ragggiungere i famosi "3 ore al giorno per + di una settimana senza ricaricare la batteria".

Solo ora c'e' finalmente un supporto minimale ad un formato DRM quindi e' possibile comprare libri online.

Piu' economico e con tutti i libri che vuoi c'e' il lettore della Sony.

# re: Lettori ad inchiostro elettronico (e-ink): situazione in Italia

Left by Matthew at 7/6/2010 2:50 PM
Gravatar
There can be a lot of critique of article but it's interesting anyway!

# re: Lettori ad inchiostro elettronico (e-ink): situazione in Italia

Left by Anello solitario at 7/18/2010 5:27 PM
Gravatar
L'ho sempre detto... bisogna fare attenzione con i dispositivi che hanno a che fare con l'inchiostro...

# re: Lettori ad inchiostro elettronico (e-ink): situazione in Italia

Left by asasas at 7/5/2011 8:38 AM
Gravatar
In particolare, in questo appuntamento ci si concenterà sulle tecnologie per lo sviluppo di applicazioni per il Web, dove è maggiore kleidverkauf
Abend- und Ballkleider
Blumenkinder Kleider
Brautjungfernkleider
Brautkleider
brautzubehoumlre
wedding dresses
Short Wedding Dresses
Simple Wedding Dresses
Wedding Dresses with Sleeves
Wedding Gowns Dresses
Bridesmaid Dresses
shelters campingl'attenzione per queste tematiche, ma saranno introdotti concetti applicabili ad ogni situazione, e di cui bisognerebbe avere maggiore considerazione nella realizzazione
Comments have been closed on this topic.