web log di marco mangia

staccato dalla tastiera, dal codice mi aspetto solo che esso non mi perseguiti più
posts - 6, comments - 1345, trackbacks - 6

Monday, July 22, 2013

Sviluppatori .Net. Quale salario (in Italia)?

Da molto tempo che mi faccio questa domanda. E non mi sono mai dato una risposta quanto minimo chiara.
Ho cercato di fare un giro largo larghissimo andando a leggere qua' e la', ma non ho trovato qualcosa di preciso in merito alla nostra mansione.
E' un tema scottante, specie poi in Italia, dove le offerte di lavoro pubblicate non hanno mai in chiaro il salario offerto. Ma da un po' di anni a questa parte, la domanda sulla tariffa e' diventata la prima che mi viene posta. Al secondo posto, forse trovano spazio le competenze. E questo la dice lunga su, come nel giro di circa dieci anni, le cose siano cambiate e tutti guardano al prezzo.
Beh visto, che io non so rispondere, perche' non chiedere alla community?
Perche' non metterci la faccia direttamente e fare un piccolo sondaggio?! Si si un sondaggio che abbia una qualche utilita' molto diversa dai soliti snippet di codice o altro.
Dopo tutto scrivere codice C# significa pane, vestiti, sopravvivenza. Che male c'e' a farsi un po' di conti?
Con uno spirito da dilettante ho creato questo piccolo sondaggio


Mi piace riportare questo dato di un sondaggio di VisualStudio Magazine Aprile 2012
We polled software development professionals who subscribe to Visual Studio Magazine and related eNewsletters (.NET Insight and Redmond Developer News) in November 2011. More than 1,300 subscribers who currently work in the United States participated in the survey and filled out the online questionnaire. The median base salary was $92,000. On average, VSM Salary Survey respondents were college graduates with a four-year degree or higher level of education and more than a decade of industry experience.

Supposto che il Base Salary stia a significare il lordo, corrisponde ad un importo (cambio Dicembre 2011 EUR/USD pari 1,295) 71.042 euro. Penso che il sondaggio lo abbiamo fatto escludendo i bonus(performance), eventuali stock option, il fondo pensione e l'assicurazione sanitaria. La domanda che mi sorge spontanea e': quale sarebbe il fattore di conversione (non il tasso di cambio!) per ottenere l'equivalente italiano?


PS: I commenti e/o critiche costruite sono ben accette. Tenuto conto poi che questo post cerchero' di tenerlo il piu' aggiornato possibile

posted @ Monday, July 22, 2013 8:40 PM | Feedback (43) | Filed Under [ var ]

Sunday, July 3, 2011

Mica sono un tipo perfetto..


e va bene mi metto a studiare..
fail

posted @ Sunday, July 3, 2011 1:09 PM | Feedback (95) |

Friday, June 17, 2011

Nella vita e nel lavoro...[cit da Emanuele Prato]

Citando il post di Emanuele:

Per fare un bel gruppo ci vogliono anni ma basta un minuto per distruggerlo...
>> Questo è il team di sviluppo. Nella realtà ognuno è una abstract Entity con metodi private (tutti!)

La qualità è quella che paghi...
>> Non facciamo un discorso di qualità. Qualcosa che funzioni, TDD, DDD fanno perdere tempo

Le gerarchie dovrebbero essere scalate dal basso...
>> Si si installiamo altri 8GB di RAM e l'ASP.Net vedrai come scala

Le persone più importanti nelle gerarchie sono quelle più in basso...
>> Non viviamo in un contesto meritocratico. O scrivi codice o comandi. Perchè devi aprirti una software factory per conto tuo per comandare. Ma non scriverai codice..

Le bugie, le prese in giro e le sfumature non portano da nessuna parte. Se in un primo momento possono aiutare, prima o poi vengono scoperte...
>> Siamo qui per rubare i soldi a XX (XX = notissimo gruppo finanziario)

Non bisogna mai fermarsi alle apparenze...
>> Barba sempre fatta e camicia stirata. Sei fortunato che puoi venire senza cravatta

Non bisogna mai comprare a scatola chiusa...
>> Colloqui senza test tecnici. Innumerevoli

Non bisogna mai dimenticare che c'è sempre il lato umano...
>> Fatturare e portare i clienti a casa. Ma questi clienti non possono starsene a casa loro ???

La ragione non è mai di uno solo...
>> E io cosa ci sto a fare?

Ci sono sempre varie sfumature...
>> La sfumatura è che questo lavoro-hobby mi diverte e non mi annoio mai. L'entropia ha anche un suo fascino

Più passa il tempo e le parole di Codentropy sono sempre più vere: "Non sono stereotipi. Preferisco chiamarli Pattern. Human Pattern nella catena dello sviluppo software"

PS: Non ho mai fatto un post per lamentarmi. Spero di non disturbare troppo questa bacheca

posted @ Friday, June 17, 2011 10:16 PM | Feedback (71) | Filed Under [ all-but-C# ]

Monday, May 16, 2011

Pubblicare il proprio database Sql Server su Aruba senza FTP: si può!

ovvero come trasformare Aruba in qualcosa di meno odioso, evitandoci copia-incolla, trasferimenti FTP.
La possibilità di poter pubblicare il proprio database tramite MS SQL Database Publishing Wizard  (DPW)
Database Publishing Wizard

mi è sembrato dall'inizio (circa 4 anni fa) qualcosa di estremamente comodo. Solo che tutto quello che avevo era sempre il solito file script sql che puntualmente devo generare, ricopiarlo nella mia cartella Script (se faccio uso di versionamento), poi copia e incolla sulla interfaccia web myLittleAdmin e poi finalmente eseguire lo script.
Uffa.. una seccatura spaventosa, se fai piccole e frequenti modifiche al tuo schema.
Purtroppo in un hosting condiviso a 30 euro all'anno non è possibile avere molto e non è nemmeno possibile connettersi tramite Management Studio (SSMS) o giusto per sognare tramite SQL Compare della Redgate.
Armato di pazienza e un venerdì sera piovoso, ho trovato su codeplex SQL Server Hosting Web Service (and toolkit) tra questi i sorgenti di DataBase Pushing Services 1.1 (DPS) che è la parte di codice lato server. DPS espone alcuni webmethod che vengono chiamati dal client DPW per effettuare la pubblicazione del DB direttamente.

Ho scaricato il progetto e pubblicato sul mio spazio web immediatamente; purtroppo vengono generate diverse SoapException che cercare di risolverle mi ha portato via diverso tempo. Che importa, fuori infuriava la tempesta.
Ad ogni modo la cosa migliore da fare è quella di aprire i sorgenti in VS2010 con target fw2.0 e ricompilare tutto come WebApplication. Non so ancora come, ma non sono comparsi gli errori a runtime durante la pubblicazione del mio DB dal DPW.

Ho seguito i passi che ho trovato Being your own SQL Publishing Services Host e nella guida fornita da godaddy Publishing a Database Using the Database Publishing Wizard che a quanto pare fornisce quel servizio sui propri server a differenza di Aruba.

1) Pubblichiamo sul nostro hostring condiviso e clicchiamo su "More.."
per creare un nuovo provider
Publicazione sull'Host

2) Click su "New.." per crearne uno nuovo:
 
providers

3) il bello viene qui: mettiamo in questo caso un nome fittizio, l'indirizzo del nostro webservice nel mio caso http://www.kamelasa.com/publish.asmx, le credenziali ftp che ci passa Aruba
dettaglio provider

4)  Click di nuovo  "New.." per inserire i dati di connessione al database Sql Server; per il nome del server possiamo inserire l'ip passato da aruba o lanciare il comando select @@SERVERNAME da mylittleAdmin

Connessione database


Dopo aver seguito i passi indicati qui,
l'unica cosa che ho dovuto modificare è stato quello di far ignorare modulo http PublishModule commentando dal web.config :
<add name="Microsoft.SqlServer.Hosting.Service" type="Microsoft.SqlServer.Hosting.Service.PublishModule" /> per non avere il problema (per ora) della basic authentication:
basic authentication

Volevo anche il logging e per questo ho passato il path fisico della cartella public con i  permessi in scrittura che su Aruba ha la forma "d:\inetpub\webs\nomedominioxxx" (xxx è il nome del dominio di primo livello)

Questo tool rimane molto rudimentale, infatti è adatto a ricreare il database, funzionalità avanzate come il compare non sono disponibili. Diciamo che è una GUI comoda per selezionare agevolmente quali oggetti (tabelle, viste, stored procedure) esportare in maniera veloce. Esiste anche il limite maxRequestLength che dobbiamo settare nel web.config.

Posso dire che su Aruba forse è possibile far girare tutto (almeno con SqlServer2005 e fw 3.5), considerato che in rete esistono dei work-around per funzionare Asp.Net-mvc, Nhibernate e i MembershipProvider
Comunque tutto questo mi ha dato lo spunto che forse Open DBDiff lo potrei modificare facendolo parlare tramite questo protocollo a ws sviluppato da microsoft

Publish Service

posted @ Monday, May 16, 2011 8:31 PM | Feedback (80) | Filed Under [ asp.net shared-hosting ]

Friday, September 11, 2009

Ioc: e adesso ciak

Ecco la versione video dell'articolo pubblicato qui . Ho inserito qualche vignetta di Scott Adams che sono riuscito a trovare in giro, modificandola. Dilbert che esce fuori dal suo cubicle e finisce su una ppt..

NB:
  • non sono uno speaker professionista !!
  • a causa di settaggi forse errati, stiamo cercando di capire il problema di alcune distorsioni
  • volevo ringraziare Igor per l'incoraggiamento
Qui le slides: Dependency Inversion Principle






posted @ Friday, September 11, 2009 11:34 AM | Feedback (253) | Filed Under [ Design Patterns Screen Cast ]

Wednesday, September 9, 2009

IoC: maccheroni per programmatori procedurali

In questo primo articolo darò un'introduzione "infantile" al concetto di Inversion of Control(IoC) ed ad una sua implementazione tramite il pattern di Dependency Injection(DI). Sebbene IoC e DI siano considerati sinonimi, mi è sembrato di capire che DI sia una implementazione particolare di IoC, a mano o tramite framework. Comuque, qui non farò riferimento a framework particolari, ma solo al principio di base che dovrebbe condurci a scrivere codice a basso accoppiamento (low coupling).

Per una mia innata prigrizia, mi piace di più usare le immagini per fissare i concetti. Non sto qui ad elencare i motivi biologici.

Dependendency Inversion Principle
Già, chi collegherebbe una lampada saldandola ai cavi elettrici nella parete ? A patto che abbia voglia di vincere il premio Darwin di quest'anno. Il problema è che non sono sicuro del risultato finale ...

DIP in pratica ci spinge a utilizzare e dipendere da interfacce (o astrazioni). Quasi non c'è più niente da dire, vista la banalità della cosa. Pigro sì, ma pragmatico:
  • Nessuna classe dovrebbe derivare da un tipo concreto
  • Nessuna variabile dovrebbe avere un riferimento ad un tipo concreto
  • Nessun metodo dovrebbe fare l'override di un metodo implementato in qualcuna delle sue classi base

Altre due imaginette ci aiutano a capire ancora meglio:


Nella prima una classe consumer ha delle dipendenze con le classi concrete, ovvero ha il comp ci creare uno dei tre tipi facendo ricorso all'operatore new


E' il caso appunto in ciui componenti  ad alto livello dipendono da componenti a basso livello


Il verso della dipendenza imita molto quello della tipica programmazione procederale



public class Dependent
{
public IDependent _dependent;
public void DoSomething(string dependent)
{
if (dependent.EndsWith("1"))
_dependent = new DependentClass1();
if (dependent.EndsWith("2"))
_dependent = new DependentClass2();
if (dependent.EndsWith("3"))
_dependent = new DependentClass3();
_dependent.DoSomethingInDependent();
}
}

La seconda invece ci mostra gli effetti della cura dopo aver implementato DIP:


L'iniettore della dipendenza stesso dipende da una astrazione (classe abstract o tipo interface). Ovvero possiede un riferimento all'interfaccia tramite un campo privato





Così i tipi concreti che derivano dall'interfaccia, implementandola


Il verso della dipendenza si è invertita, da questo il nome di Inversione di Controllo (mesi fà mi dicevo: inversione de che ??)

    public class Injector
{
private IDependent _dependent;
public IDependent Dependent
{
get { return _dependent; }
set { _dependent = value; }
}
public void DoSomething()
{
Dependent.DoSomethingInDependent();
}
}

Persino il class diagram, uhh:
Martin Fowler in suo famosissimo articolo ci insegna 3 tipi di DI:
  • Iniezione tramite metodi d'interfaccia di Tipo 1
  • Iniezione tramite proprietà di Tipo 2
  • Iniezione tramite costruttore di Tipo 3
La prima è quella che obbliga a definire un'interfaccia (da non confondersi con l'astrazione necessaria al DIP) , dalla quale poi l'iniettore dovrà derivare, constringendolo ad implementare i metodi
La seconda invece è la proprietà che si preoccupa di valorizzare il campo privato che rappresenta la dipendenza verso l'interfaccia
La terza invece è quella in cui, il riferimento viene risolto nel momento in cui l'iniettore viene creato, dovendolo passare come parametro.

Forse Martin si era sparato tutti i cofanetti di Spielberg prima di scrivere l'articolo, diciamo che non farei una distinzione così ferrea tra tipi, basta capire quando ci servono.
Delle tre, la prima non l'ho mai usata nè vista usare. Dopo tutto devo scrivere del codice in più. Preferisco la seconda e la terza modalità o un misto delle due, poichè mi risulta comodo per lo "state based unit-testing", cioè posso governare e controllare come viene risolta la dipendenza. Userei solo la seconda o al massimo la prima solo quando ho bisogno di posticipare l'iniezione.
 
Dimenticavo, appena posso mi comprerò questa simpatica magliettina che fa parte della campagna anti-if promossa da xplabs.

E' proprio IoC, uno dei mezzi che ci aiutano in questa battaglia. Non per if stesso ma per un suo abuso, chiaro.




NB: ho fatto anche un versione video, o screencast, di questo articolo. Devo un attimo sistemare il "montaggio". Ho Sergio Leone in chat che mi sta dando dei validi consigli. Lo pubblico più tardi o al max domani mattina.

posted @ Wednesday, September 9, 2009 4:28 PM | Feedback (673) | Filed Under [ Design Patterns ]

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET