WCF e autenticazione – Take 1

Come scritto in un mio precedente post ho installato da un fornitore un’applicazione che recupera i dati da un web service…

Approfittando della installazione dello stesso programma da un secondo fornitore ho rivisto un po’ di cose:

  1. l’interfaccia del programma (cambiando la griglia);
  2. il sistema di riconoscimento dell’utente (basato su un GUID criptato)
  3. il sistema di recupero dei dati (passando dai “vecchi” web service” a WCF, come mi auguravo di fare già mesi fa smile_regular)

Proprio questo ultimo punto mi ha dato un po’ di problemi poiché di default i servizi WCF utilizzano l’autenticazione di Windows per cui il test da me funzionava… ma il programma, installato dal fornitore, non riusciva a connettersi al servizio, lamentando problemi di autenticazione dell’utente.

Come primo passo sono quindi passato alla autenticazione anonima attraverso il BasicHttpBinding.

In questo caso mi serviva una soluzione “veloce” al problema per rispettare i tempi di consegna (considerando anche che il GUID mi garantisce una difficoltà intrinseca per il reperimento delle informazioni).

Ho già trovato un’articolo che spiega perché e meglio passare al WSHttpBinding… per cui appena trovo come implementare un’autenticazione più sicura… mi farò risentire sull’argomento. smile_wink

posted @ martedì 20 gennaio 2009 02:07

Print
Comments have been closed on this topic.
«maggio»
domlunmarmergiovensab
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456