IV Conf UGIALT.NET: com’è andata

Eccoci al rientro dalla ferie, ed è tempo di iniziare a pensare al prossimo evento UGIALT.NET. Ma per farlo, prima di tutto, è necessario dare uno sguardo a quello che hanno risposto le quasi 70 persone che hanno risposto alla survey post evento.

Tralascio il dettaglio dei “voti” alle varie sessioni e relatori, solo per dire che la media dei voti è parecchio alta, sopra l’8 per tutte le sessioni.

Ma veniamo alle risposte che ci aiuteranno nell’organizzazione del prossimo evento.

Giudizio globale

In primis, alla domanda “Saresti interessato a partecipare alla prossima edizione?”, tutte e 79 le persone che hanno risposto alla survey hanno detto SI. Inoltre il voto complessivo è stato Buono al 65% e Eccezionale al 31%. Direi che quindi è stata un’esperienza positiva per tutti i partecipanti.

Periodo della prossima edizione: Gennaio

Il periodo più gettonato è Novembre 09, seguito dalla seconda metà di Gennaio 2010. Nulla è ancora deciso, ma Novembre è un mese inflazionato, e la V Conference sarebbe troppo vicina (se non in alcuni casi in concomitanza) all’Agile Day, al TechEd, allo StackOverflow DevDays, alla WPC. E’ probabile quindi che opteremo per la seconda scelta, ovvero la seconda metà di Gennaio.

Location: Milano o Bologna

Per la prossima edizione pensavamo di tornare a Milano, ma dopo aver visto i risultati della survey non ne siamo più così certi.

Il 56% ha detto che Milano va bene, ma il 33% ha detto che preferirebbe stare a Bologna, e alcuni anche Roma, Firenze, Ancona.

Formato: sessioni con speaker + openspace

Senz’ombra di dubbio, il formato preferito è quello dell’ultima conference: sessioni con speaker (ma lasciando comunque spazio alla discussione), affiancate da panels openspaces. Questa soluzione è stata scelta dall'80% dei votanti.

Anche la decisione su come scegliere gli openspace è abbastanza facile: il 70% preferirebbe far scegliere gli openspace insieme alle sessioni, online prima dell’evento, mentre solo al 20% piacerebbe proporli e votarli la mattina stessa dell’evento.

Donazioni

Alla domanda sulle donazioni per l’evento, più del 50% sarebbe disposto a donare più di 10€, e ben l’80% donerebbe più di 5€. Questo è molto confortante, anche perchè, se le promesse venissero mantenute, di organizzarci per avere più sale con proiettore, una sala più grande, per registrare e pubblicare i video degli eventi (come in molti ci hanno richiesto), per organizzare delle pause caffè, per portare bevande, ecc… Ci è anche stato fatto capire che la donazione non dovrebbe andare a coprire il catering, e farsi consegnare 80 pizze è la soluzione migliore.

Qualche highlight tratto dai commenti

“Abbracciare più linguaggi e non solo .NET” vs “Portare un’esperienza su Java stonava ad in evento .NET” vs “Non mi è piaciuto il fatto che alcune sessioni fossero .NET-agnostic” vs “Speravo fosse più centrata su .NET con qualche esempio applicativo, invece si è presentato Balsamiq”

Ragazzi, decidetevi!! UGIALT.NET è uno usergroup su .NET, ma alcuni argomenti non sono collegati strettamente a .NET (vedi metriche di codice o User Experience), quindi in questi casi il linguaggio è irrilevante.

“Purtroppo la sessione era di livello troppo elevato per il mio attuale stato di conoscenza di WPF e MVVM”, “mancanza di una adeguata introduzione, troppo velocemente si è focalizzato su aspetti molto tecnici senza darne prima una inquadratura più generale”, “avrei dovuto avere un livello di precomprensione maggiore per capire bene tutto”, “Anche in questa sessione, secondo me, non c'è stata una introduzione adeguata all'argomento e si è passati immediatamente ad aspetti molto tecnici”, “è sceso troppo nei dettagli per la conoscenza che ho io della problematica”.

Questi sono tratti dai commenti sulle sessioni su ASP.NET MVC e su WPF: entrambe erano sessioni su degli argomenti specifici delle due tecnologie e quindi delle introduzioni sulla tecnologia non sarebbere in ogni caso servite a portare le conoscenze adeguate. Come qualcuno ha scritto nei commenti, per la prossima volta metteremo il livello della sessione (queste erano entrambe due sessioni 300).

“troppo corta per una questione che tocca tutti”, “Sarebbe stato interessante qualche esempio in più, compreso un esempio di interazione con il team di sviluppo”, “brava Daniela, non c'è stato tempo per approfondire il rapporto con la programmazione agile”, “interessante, ma una di quelle sessioni su cui si poteva parlare per ore senza arrivare da nessuna parte; proprio per questo l'esperienza della relatrice poteva essere utilissima, ma magari in una sessione di mezza giornata dedicata solo a quello ci sarebbe stato più tempo per parlare di tutto”, “Argomento poco conosciuto ma molto importante, meriterebbe più tempo”, “Argomento interessante, che sarebbe bello approfondire in un workshop dedicato”

Tutti questi sono commenti sulla sessione di Daniela sulla progettazione della UserExperience: la sessione avrebbe dovuto parlare dei concetti base della progettazione della user experience invece, è stata subito dirottata sull’annoso problema di come sposare la progettazione della UI, che richiede del design upfront, con le metodologie agili. Sicuramente torneremo su questo argomento.

Next steps

Nelle prossime settimane inizieranno i primi passi verso l’organizzazione della prossima conference, incominciando dai poll per decidere la data e la location.

Technorati Tags:

posted @ venerdì 4 settembre 2009 19:57

Print
Comments have been closed on this topic.
«ottobre»
domlunmarmergiovensab
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456