Technology Experience

Contenuti gestiti da Igor Damiani
posts - 949, comments - 2741, trackbacks - 15120

My Links

News

  • Questo blog si propone di raccogliere riflessioni, teoriche e pratiche, su tutto quello che riguarda il world-computing che mi sta attorno: programmazione in .NET, software attuale e futuro, notizie provenienti dal web, tecnologia in generale, open-source.

    L'idea è quella di lasciare una sorta di patrimonio personale, una raccolta di idee che un giorno potrebbe farmi sorridere, al pensiero di dov'ero e cosa stavo facendo.

    10/05/2005,
    Milano

Archives

Post Categories

Generale

Ancora su Windows Home Server

Dopo aver letto questo articolo da puntoinformatico.it, mi sono sottoscritto al blog dedicato a Windows Home Server per tener traccia degli sviluppi ed in generale come gira l'antifona su questo prodotto che, non lo nascondo, mi ispira un pochino. Mi sono anche iscritto al beta program, non si sa mai, mi piacerebbe davvero provarlo e dare qualche feedback. I candidati ideali devono avere una LAN, un certo numero di PC ed una ADSL di qualche tipo. Direi che mi sento dentro questo profilo.

E' impressionante come WHS possa - credo - soddisfare le mie esigenze, che per adesso mi hanno portato ad allestire il server di casa mia. Sharing: avere un unico PC con su i files di tutti (miei, mio fratello, la mia sorellina, i miei genitori) e che condivide le mie due stampanti. Condivido documenti Word, musica, articoli, posta elettronica: tutto. Backup: backup automatizzati ogni notte.

Quello che mi fa pensare è: cosa ho di più rispetto ad un server normale? Alla fin fine, WHS è un normale PC, con su una licenza ridotta (credo) di Windows 2003 Server. Da come ne parlano qua, probabilmente ci guadagno solo (direi...troppo!) in semplicità: a quanto pare Microsoft pensa di dedicare questo prodotto ad un pubblico di fascia bassa. E' possibile aggiungere tanti hard-disk quanti se ne vuole, ma non potete assegnare lettere ai diversi drive: WHS farà tutto automaticamente. C'è un supporto nativo per l'hot-swap. C'è un supporto per il RAID: non configurabile, WHS farà tutto automaticamente. Si parla di wizard, insomma, studiati per poter essere usati da una clientela non esperta, che deve fare le cose velocemente e senza avere troppi dettagli. Una delle note mi ha preoccupato particolamente:

On the server-side, WHS finally does away with drive letters. "No-one gets drive letters in Windows Home Server," Headrick said. "They'd just forget where they put stuff." Instead, WHS aggregates all of the storage attached to the server into a single store pool, regardless of whether that storage is internal, external, or a combination. As you add drives to the server, the available storage pool simply increases.

Insomma: boh, non so, forse, mah, non credo, penso che, mannaggia, ho un dubbio, mi sa che, se mi capita, altrimenti...

Print | posted on Wednesday, February 14, 2007 5:08 PM | Filed Under [ Tecnologia ]

Feedback

Gravatar

# re: Ancora su Windows Home Server

Come al solito manchi il punto..
Tu hai a casa un Windows Server(s.l.) e la gente normale no.
Al momento gli unici storage di quel tipo sono linux/samba based, e questa è la risposta a quel mercato...
Chissà come vivrebbero felici i tuoi byte li dentro... :-D
2/14/2007 5:51 PM | Lorenzo Barbieri
Gravatar

# Re: Ancora su Windows Home Server

leggendo dal blog, sembra essere un po' di più che uno storage come quelli attuali sotto Linux, perchè comprende backup, accesso alle risorse da remoto via Internet, ricerca dei files, media-sharing, etc.
E cmq, i miei bytes vivono felici ovunque...
2/14/2007 6:02 PM | Igor Damiani
Gravatar

# re: Ancora su Windows Home Server

Appunto... è la risposta "microsoft" a quel mercato... con gli steroidi...
2/14/2007 6:05 PM | Lorenzo Barbieri
Gravatar

# re: Ancora su Windows Home Server

Si... :-D
2/14/2007 6:28 PM | Lorenzo Barbieri
Comments have been closed on this topic.

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET