IIS Seo Toolkit – vantaggi e problematiche di utilizzo

Ieri ho fatto alcune prove con il plugin di IIS 7 relativo al SEO.

Il plugin è scaricabile utilizzando Web Platform Installer e ha 3 funzionalità fondamentali:

  • gestione del file robots
  • gestione delle sitemap
  • analisi del sito

La parte di Site Analysis è la più interessante in quanto fornisce un sacco di consigli relativi alle ottimizzazioni SEO. È possible testare sia siti presenti sul server che siti di altri server e quindi anche non nostri. Viene effettuata una scansione completa del sito e vengono forniti un sacco di consigli. Tramite poi il modulo di Url Rewrite 2 possono essere corretti molti “errori” SEO come canonical urls, lower-case only, auto adding / , eccetera.

Ho subito testato l’analisi su un paio di siti che hanno diverse migliaia di link: un comparatore di Pneumatici e un sito di Pompe Funebri , siti molto diversi tra loro, e ho corretto diversi problemi SEO.

La parte della gestione del file robots invece non ha funzioni particolarmente interessanti, tutte cose già facilmente ottenibili con i Webmaster Tools di Google.

La parte della sitemap sembrava inizialmente molto interessante perché su siti con migliaia di link con regole di routing più disparate, non sempre è facile creare delle sitemap corrette. Tuttavia la delusione è stata che, pur essendoci l’opzione di creare la sitemap dal risultato di una precedente Site Analysis, in realtà compare una schermata che ti obbliga a fare manualmente il check di ogni singola checkbox relativa agli url trovati dall’analisi. Provate a fari clic su 9.000 link e poi sarete d’accordo con me che la funzione è praticamente inutile per siti con molti contenuti.

Quindi tirando le somme, delle tre funzioni disponibili l’unica veramente degna di nota è la Site Analysis. La parte sitemap diventerà realmente utile solo quando permetterà di selezionare più rapidamente gli url da includere.

Tuttavia in attesa di questa feature, preparerò un piccolo tool che permetta di fare uno scan completo dei link di un sito generando la sitemap. Se conoscete qualcosa che già esiste, per favore indicatemelo Sorriso.

Community Piemontese – Esperienze – Ritorno alla ribalta

Ormai da molto tempo non scrivo sul blog, da così tanto che ho dovuto chiedere al buon Andrea di riattivarmelo a causa di un errore del Subtext che sicuramente perdurava da chissà quanto.

Comunque ho deciso di scrivere per comunicare agli amici piemontesi che abbiamo aperto una nuova community con le seguenti caratteristiche:

  • sede di ritrovo Torino presso il Microsoft Innovation Center al Politecnico;
  • frequenza mensile serale dalle 18 in su. Il prossimo incontro è fissato per il 29 ottobre.
  • argomenti di carattere generale sulla programmazione, anche non .NET, architettura, database e sembrerebbe anche SEO e Web Marketing, in base alle disponibilità e ai desideri della community stessa. Un bel range di argomenti insomma.

Se Torino non è troppo distante per voi, siete ben accetti nella nostra community. Lasciate il vostro feedback se volete partecipare o essere informati sugli eventi futuri.

 

Riporto anche i link per trovare il luogo. All'interno del Politecnico non è proprio semplice trovarlo senza la mappa.

MIC - Come arrivare (.doc)

Cerco collaboratori

Cari amici,

anche se non scrivo sul blog da molto tempo, leggo giornalmente tutti i feed e partecipo ai vari workshop ogni volta che ne ho la possibilità.

Come sa chi mi ha conosciuto di persona, lavoro principalmente da solo e mi occupo di progetti web il 95% delle volte. Sono in una situazione in cui non riesco più a soddisfare tutte le richieste di siti web e progetti quindi le alternative sono:

  • prendere solo i siti che riesco a creare e gestire da solo;
  • dividere con coloro che tra voi sono disponibili i lavori che ho in esubero.

Per questo motivo chiedo a chi si occupa di sviluppo web, ha un po' di tempo a disposizione e può essere interessato a collaborare con me e dividere alcuni lavori di contattarmi all'indirizzo assandri at tiscali dot it.

Grazie e un saluto a tutti.

Se dopo l'installazione di VISTA non riuscite ad usare la LAN, il problema potrebbe essere questo.

Posto questo consiglio perché mi è costato un'ora di smanettamento, nella speranza che possa risparmiarlo a voi.

Nel caso in cui, dopo l'installazione di VISTA su un pc con chipset NForce (nel mio caso una ASRock AM2NF6G-VSTA), vi troviate con un driver NVIDIA nForce Networking Adapter installato perfettamente, ma ogni tentativo di connessione ad internet o alla LAN risulta impossibile, allora probabilmente il problema sta nel fatto che VISTA non ha assegnato un Network Address.

Per risolvere il problema andate nel Device Manager, NetWork adapters, NVIDIA nForce Networking Controller, click con il destro e Properties. Poi andate sul tab Advanced, selezionate la voce Network Address, inserite in Value un numero di 12 cifre e cliccate su OK.

A quel punto la LAN funzionerà correttamente.

Phishing continuo, ma questa volta il truffatore avrà del lavoro da fare

Oggi ho ricevuto l'ennesima e-mail con il solito tentativo di Phishing; questa volta il sito era simile a quello di Banca Mediolanum. Il truffatore ha usato un indirizzo simile al seguente (ovviamente ho camuffato l'indirizzo per evitare danni collaterali) http://wwww.bancamediolanum.it.ulterioreurlchenonriporto.biz/bancari.asp/ che purtroppo gli utenti poco esperti prenderanno per buono e verranno truffati.

Ho subito provato il filtro anti-phishing di IE7, ma non si è accorto di nulla.

Allora preso dalla curiosità, ho inserito le più grandi parolacce e insulti che conosco, li ho inseriti nelle textbox e ho fatto il submit. Ho così ottenuto la stringa corretta per il GET e mi sono detto: "Già che questo ba****do riuscirà a truffare un sacco di gente, almeno rendiamogli la vita più difficile facendo in continuazione submit automatici con dati falsi e incorretti". Allora l'idea è stata quella di creare un programmino automatico che, prendendo parole a caso da un dizionario, continuasse a fare dei GET con lo scopo di riempire il database del truffatore continuamente con un sacco di dati falsi. Lui impiegherà un sacco di tempo a verificarli tutti e a trovare in mezzo a tutto quel casino quelli corretti.

So che è una magra consolazione, ma una parziale vendetta è già questa. :-)

Un regalo di compleanno inaspettato: QTEK 9000.

La settimana scorsa era il mio compleanno e, insieme ai vari vestiti che per fortuna molti mi regalano (io e lo shopping non siamo molto amici, soprattutto lo shopping del vestiario), mi è arrivato anche un bel QTEK 9000.

Ho impiegato diverse ore a guardare il manuale (200 pagine), ad aggiornare la ROM all'ultima versione, ad installare programmi vari tipo skype, lettore divx, eccetera eccetera. Il telefono ha funzioni veramente notevoli, lo schermo che si gira è spettacolare e tutto il software in dotazione è molto completo (non mi aspettavo il terminal server ma ho trovato pure quello).

Il passo successivo sarà sviluppare qualche applicazioncina di prova :-).

Ma sono l'unico che pensa che queste password sono da pazzi scatenati?

Sicuramente vi siete accorti che quando un utente dimentica la password e ne chiede una nuova tramite l'apposito controllo Password Recovery di asp.net 2.0 si ritrova una nuova password veramente strong.

Io posso capire che lo fanno per evitare password troppo semplici, ma mi sembra che una password scritta come (&N+6fh=%uHR$G] è veramente un po' eccessivo. Il risultato è che tantissimi utenti, soprattutto coloro che non hanno molta dimestichezza col copia incolla, mi scrivono chiedendomi che problemi ho avuto da piccolo per essere così perfido da fargli perdere 10 minuti a scrivere la password.

Che posso rispondere a questi? Effettivamente hanno ragione. Ora mi metto a cercare un soluzione per far sì che il controllo Password Recovery restituisca password che mi permettano di evitare i continui insulti degli utenti.

MagicAJAX e xhtmlConformance

In questi giorni ho sperimentato la libreria MagicAjax con ASP.NET 2.0. Tuttavia non mi funzionava il postback asincrono e le pagine continuavano ad effettuare postback reali pur avendo correttamente utilizzato gli AjaxPanel. Dopo vari tentativi ho scoperto che il problema era dovuto alla direttiva

 <xhtmlConformance mode="Strict"/>


che io ho inserito nel web config per ottenere una renderizzazione compatibile con lo standard XHTML 1.1.

Ho quindi dovuto inserire tutte le pagine AJAX in una directory a parte e creare un nuovo web.config con all'interno

 <xhtmlConformance mode="Transitional"/>


In questo modo il tutto ora funziona correttamente.

Validazione XHTML 1.1

Vi è capitato di non riuscire in alcun modo a validare XHTML 1.1 una pagina creata in Visual Studio 2005 pur essendo sicuro di aver utilizzato tutti gli accorgimenti necessari?
Dopo diverse ore perse a cercare di capire come era possibile, ho trovato che la soluzione era semplicissima: bisogna registrare il browser W3C nella directory App_Browsers creando un file qualsiasinome.browser e inserendo il sequente codice:

    5 <browsers>

    6     <browser id="W3C_Validator" parentID="default">

    7         <identification>

    8             <userAgent match="^W3C_Validator" />

    9         </identification>

   10         <capabilities>

   11             <capability name="browser"              value="W3C Validator" />

   12             <capability name="ecmaScriptVersion"    value="1.2" />

   13             <capability name="javascript"           value="true" />

   14             <capability name="supportsCss"          value="true" />

   15             <capability name="tables"               value="true" />

   16             <capability name="tagWriter"

   17                value="System.Web.UI.HtmlTextWriter" />

   18             <capability name="w3cdomversion"        value="1.0" />

   19         </capabilities>

   20     </browser>

   21 </browsers>

Entrata in questa nuova esperienza

Ho deciso di aprire un blog e provare questa nuova esperienza. Sono uno sviluppatore hobbista quindi non sarò in grado di fornire un gigantesco contributo alla comunità, ma nel tempo migliorerò (almeno spero :-) ).
«November»
SunMonTueWedThuFriSat
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789