Studiare con un e-book reader

E’ da un po’ che volevo scrivere questo post, forse da quando sono comparse le circolari del ministero che per quest’anno indicavano di fornire i testi anche in formato digitale (purtroppo non ho avuto modo di seguire com’è evoluta la faccenda), ma tra una cosa e l’altra non l’avevo ancora fatto.

Approfitto di una voce Sidewiki scritta da Antonio Tombolini a seguito di questo articolo, in cui si parla dei risultati negativi di un esperimento all’università di Princeton per far studiare i ragazzi con il Kindle di Amazon: nella nota Antonio evidenza come molte delle difficoltà riscontrate dagli studenti siano in realtà dei limiti di quello specifico dispositivo, non presenti in altri lettori come il DR1000S di IREX, e giustamente ironizza sulle conclusioni tratte dal giornalista :S

Come promesso ad Antonio, che per inciso è una persona che stimo tra le altre cose per l’impegno che sta mettendo nel far diffondere questa tecnologia con la sua attività, contrastando anche la cecità degli editori italiani, provo a riportare in questo post l’esperienza che ho avuto quest’anno nel provare a studiare tramite un e-book reader su dei testi universitari in formato digitale…e lo faccio pure gratuitamente, tanto mi sta a cuore l’argomento ;)

Purtroppo le conclusioni non saranno proprio rosee, ma ripeto, si tratta di una mia esperienza, influenzata dai testi a disposizione, dalla mia modalità di studio, ma soprattutto dipendente dal livello attuale della tecnologia: non dimentichiamoci che si tratta di dispositivi comparsi nel mercato 2-3 anni fa, con ampi margini di miglioramento, per cui se per ora non riescono ad essere utilizzati in tutte le potenziali situazioni, non per questo non lo potranno essere tra un po’, con il loro evolversi!

Quando si parla di studio tramite e-book lo si può fare su due argomenti:

  1. avere i testi in formato digitale (cosa in genere ostacolata da autori ed editori per i soliti problemi di pirateria), ovviamente prerequisito fondamentale per poter studiare con un e-book reader, ed inoltre una grossa comodità per gli studenti disabili a livello di accessibilità (anche se poi sono più utili i “sorgenti” in latex dei testi che non i pdf, in cui ad esempio le formule sono già “renderizzate” e quindi poco leggibili ad esempio con dei dispositivi di sintesi vocale)
  2. utilizzo di un lettore di e-book, aspetto sul quale è concentrato il post.
    Nella mia situazione, come vedremo, sono anche “fortunato” da questo punto di vista in quanto ho a disposizione tutto il materiale per lo studio in formato digitale, senza dover “rubare” a nessuno scaricando illegalmente.

Faccio alcune premesse doverose:

  1. Da più di due anni utilizzo dei lettori di ebook, prima l’iLiad e, da circa un anno, proprio il DR1000S (entrambi dotati di pennino per muoversi tra le varie opzioni o prendere appunti).
    Il DR1000 credo sia ancora il dispositivo migliore sul mercato per parametri quali le dimensioni e risoluzione dello schermo (si riesce a leggere bene un testo A4 formattato in più colonne senza dover fare continui zoom, come servono su altri lettori, tra cui proprio l’iLiad) e credo anche le prestazioni.
  2. Ho 26 anni, per cui non credo di avere problemi con la tecnologia legati all’età :) … o quello che volevano dire nelle conclusioni dell’articolo!

Nell’anno accademico appena terminato ho frequentato il primo anno del corso di laurea online di informatica presso l’università di Urbino.
Si tratta di un corso ideato per chi non può frequentare, per cui il materiale per lo studio viene messo a disposizione completamente online.
In particolare, lo studio si svolge nel seguente modo: ogni settimana ci sono una / due lezioni per materia; qualche giorno prima della lezione, il professore pubblica il materiale che sarà trattato in essa, costituito da alcune slide ed un documento testuale che le accompagna, entrambi in formato pdf (per agevolarne la stampa).
Durante la lezione, che si svolge con una chat completamente testuale, gli studenti possono chiedere informazioni riguardo a parti della lezione non chiare, ed i transcript della conversazione vengono poi salvati.

A prescindere da eventuali commenti sulle modalità delle lezioni (nell’epoca di youtube magari ci si potrebbe attendere qualcosa di più multimediale, ma tralasciamo), se non altro il materiale per lo studio, almeno da una prima analisi, può essere adatto per la fruizione tramite un e-book reader.

Ho provato a studiare il materiale (o almeno parte di esso) tramite il DR1000S, d’altronde non è che mi piaccia sprecare la carta per stampare centinaia di pagine ad ogni esame, ma ho trovato delle difficoltà (per non dire “seccature”), dovute in parte allo stato della tecnologia, ma in parte anche al mezzo non più adatto per eseguire quest’attività, che mi hanno fatto desistere, per cui tranne poche eccezioni sono dovuto ritornare alla soluzione tradizionale, stampando il materiale o usando il pc :(

Giusto per provare a fare un elenco, alcune delle situazioni che hanno portato a questo giudizio sono:

  1. Sfogliare velocemente le pagine: per quanto il DR1000S sia più veloce dei predecessori e abbia delle funzioni per andare abbastanza rapidamente da una pagina all’altra, secondo me non è ancora sufficiente per le effettive esigenze di uno studente, che vorrebbe semplicemente poter scorrere le pagine in modo “immediato” (anche un’attesa di pochi istanti, quando negli ultimissimi giorni si scorrono centinaia di pagine, almeno per me è frustrante… senza considerare quando l’attesa diventa di qualche secondo, cosa non rara!)
  2. Due o più dispositivi: come già detto, per ogni lezione ci sono più documenti (tra slide, testo e chat) e capita non di rado di doverli guardare contemporaneamente (es. per guardare un grafico o del codice nelle slide, leggendo nel frattempo il relativo testo).
    Nel DR1000 si possono tenere aperti più documenti contemporaneamente, “switchando” tra l’uno e l’altro… anche questo non è ovviamente il massimo della praticità
  3. Colori: fortunatamente nel nostro caso di rado il materiale ha delle immagini a colori (fondamentali ad esempio per interpretare un grafico), ma in altre occasioni potrebbe esserci più spesso quest’esigenza, e per ora i lettori di e-book sono solo in scala di grigi.
  4. Sottolineature / annotazioni nel testo: per questo punto non posso riportare un’esperienza, perchè non sono solito prendere annotazioni direttamente nel testo (preferisco farmi un documento a parte, anche perchè non mi piace leggere su dei testi sottolineati, specialmente da altri).
    Col DR1000S è possibile prendere questi appunti, anzi, almeno facendolo digitalmente non si “rovina” il testo.
  5. Ricerche nel testo: anche su questo punto non posso riportare un’esperienza, perchè spesso mi sono ritrovato a fare delle ricerche direttamente dal pc, da cui ad esempio potevo cercare una parola su più documenti contemporaneamente, quindi nel mio caso in più lezioni, mentre nel DR1000S, anche se supporta la ricerca su un documento, non so se avrei potuto fare la stessa cosa.
  6. Durata batteria: anche se sono dispositivi con schermo ad inchiostro elettronico che, come si sente spesso dire, dovrebbero consumare pochissimo, solo al cambio della pagina, in realtà si tratta a tutti gli effetti di computer (che, per capirci, montano spesso al loro interno una distribuzione linux), quindi consumano molta più energia di quanto si crede.
    Ciò è specialmente vero nel DR1000, che per avere certe prestazioni (sicuramente superiori ad esempio dell’iLiad) consuma abbastanza: non saprei dare una cifra sicura, ma non credo che quello che ho io riesca ad arrivare ad una decina di ore con una singola carica, e forse per mia distrazione, forse per altri “bug” del terminale (che ha un sistema per andare in standby dopo qualche minuto di non utilizzo), più volte mi sono ritrovato a provare ad utilizzarlo quando era completamente scarico… immagino che una scena del genere possa non essere infrequente in una scuola dove si adottassero dei lettori di e-book, per cui ci vorrebbero poi adeguate soluzioni.

Come vedete, molti sono, secondo me, semplici limiti attuali della tecnologia, che potranno essere risolti tranquillamente con il suo evolversi.
Ritengo perciò che gli e-book reader siano dei dispositivi molto utili, ma attualmente più adatti ad una lettura di tipo sequenziale (es. per un romanzo o un libro letto comunque capitolo per capitolo) che non di tipo variegato come può richiedere lo studio.
Probabilmente proprio per questo motivo un esame sono riuscito comunque a studiarlo completamente tramite il reader, perchè conoscevo già abbastanza la materia e potevo permettermi di fare prevalentente una semplice lettura sequenziale del testo (in questo caso tra l’altro non c’erano neanche delle slide ad accompagnarlo)!

posted @ Tuesday, October 6, 2009 11:59 PM

Print

Comments on this entry:

# Studiare con un e-book reader

Left by Stefano Ottaviani at 10/7/2009 12:52 AM
Gravatar
La mia esperienza con lo studio tramite e-book reader. Clicca per leggere...

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Michele Lorizzo at 10/7/2009 11:07 AM
Gravatar
... ho appena acquistato un Sony Touch (compromesso tra prezzo/prestazioni-dimensione) ... a me sembra uno strumento eccezionale ...

Ciao
Mike

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Stefano at 10/7/2009 11:12 AM
Gravatar
Non dico che non siano buoni strumenti... dico solo che, per lo studio, ancora l'esperienza non è ottimale, se non frustrante

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Enrico at 10/7/2009 1:57 PM
Gravatar
Carta, matita, evidenziatore, blocco per gli appunti... insostituibili!

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Michele Lorizzo at 10/7/2009 3:19 PM
Gravatar
Carta, matita, evidenziatore, blocco per gli appunti ... e TOMI (tanti, moltissimi, tutti) ... "perlappunto" ... tutto compreso in un buon ebook reader ... non per fare l'antipatico ... ma prima di parlare bisognerebbe provarli ... poi (come Stefano) si può esprimere un giudizio.

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Stefano at 10/7/2009 7:10 PM
Gravatar
Ciao Luca,
concordo con quello che dici... purtroppo quello è il materiale che ci passano in quanto università online, di sicuro sarebbe più facile se potessimo avere anche ad esempio delle registrazioni video delle lezioni... ma per ora tocca accontentarsi di questo!

# re: Studiare con un e-book reader

Left by Enrico at 10/8/2009 2:31 PM
Gravatar
x Michele: carta, matita, evidenziatore, blocco per gli appunti ... e TOMI (tanti, moltissimi, tutti) ... io LI ADORO perciò li trovo insostituibili. Ciao.

# re: Studiare con un e-book reader

Left by attdd at 6/15/2011 2:04 PM
Gravatar
wqadrev wear Some time before, I did need to buy a house for my firm but I did not earn enough cash and could not buy anything. Thank God my father proposed to try to get the kleidverkauf
Abend- und Ballkleider
Blumenkinder Kleider
Brautjungfernkleider
Brautkleider
brautzubehoumlre
wedding dresses
Short Wedding Dresses
Simple Wedding Dresses
Wedding Dresses with Sleeves
Wedding Gowns Dresses
Bridesmaid Dresses
shelters camping
Comments have been closed on this topic.